UN MAGNATE DI WASHINGTON VUOLE RIUNIRE I FUGAZI

 
Tags:
di
16 Maggio 2019
 

Ted Leonsis, magnate di Washington proprietario tra le tante cose della squadra di basket NBA dei Washington Wizards, ha un sogno nel cassetto: la reunion dei suoi amati Fugazi.

In un tweet Leonsis ha dichiarato:
Lavoriamo tutti per far riunire i Fugazi, per farli suonare nella nostra Arena, ricompenseremo la band e faremo una grossa donazione a loro nome a fondazioni benefiche locali, è passato troppo tempo. Vanno bene per tutte le generazioni, ci mancano.

Recentemente Beto O’Rourke, candidato texano alle primarie del partito democratico per le presidenziali USA del 2020, aveva indicato, in un’intervista a Vanity Fair, tra le sue più grandi influenze la musica punk in particolare Ian MacKaye fondatore della storica etichetta Dischord e leader di Minor Threat e Fugazi.

In realtà gli stessi Fugazi non hanno mai dichiarato di essersi sciolti. Il loro sesto e ultimo album è datato 2001, “The Argument”, mentre sono passati oltre sedici anni dal loro ultimo concerto.

In un’intervista con l’inglese Louder dello scorso febbraio, i due componenti della sezione ritmica – il bassista Joe Lally e il batterista Brendan Canty – mentre parlavano del loro nuovo progetto strumentale, The Messthetics, avevano lasciato aperta la porta a una possibile reunion.

 

All’asta la chitarra che ...

All’inizio di febbraio, Phoebe Bridgers ha suonato al Saturday Night Live, rompendo poi la sua chitarra nel finale. Ricordiamo bene le ...

EP: Oracle Sisters – Paris II

E’ un piacere segnalare il ritorno degli Oracle Sisters, che pubblicano, via 22Twenty, il loro secondo EP, chiamato “Paris II”, ...

James Vincent McMorrow annuncia il ...

James Vincent McMorrow è tornato con la notizia del suo primo album in quattro anni, “Grapefruit Season” (atteso il 16 luglio, ...

Nuovo cofanetto in arrivo per Joni ...

Joni Mitchell pubblica un nuovo cofanetto che guarda al passato. “The Reprise Albums (1968-1971)”, conterrà i suoi quattro ...

Ascolta “Holding Onto ...

An Early Bird ci dimostra che il suo percorso attuale non è fatto solo di piacevoli (e riuscite) sperimentazioni, ma c’è sempre un ...