CLINIC
Wheeltappers and Shunters

[ Domino - 2019 ]
8
 
Genere: Psych-rock
Tags:
 
20 maggio 2019
 

Tornano per la felicità dei fan, forse non tantissimi ma appassionati, dopo ben sette anni i Clinic con un nuovo album, una lunga attesa che si trasforma in un lavoro che in fondo ci restituisce il loro stile cosi eccentrico ma allo stesso tempo cosi carico di passato.

La loro volontà di muoversi in una dimensione personale tra utilizzo di strumentazione vintage , lo-fi, accavallamenti di suoni e  melodie che virano nel momento giusto per evitare di cadere nella banalità, riesce a produrre un risultato brillante che merita un ascolto attento magari inforcando le cuffie. La durata complessiva dell’album non  supera i venticinque minuti per un totale di dodici brani, con pezzi, quasi tutti sui due minuti e qualcosa, che ti lasciano quasi in sospeso impedendo  all’ascoltatore di abituarsi troppo  e costringendolo subito ad andare oltre.

L’album apre con “Laughing Cavalier” una brano delizioso che, tra le risate del cavaliere e il song writing di Ade Blackburn, è a un passo dalla canzone perfetta, seguita da “Complex” una bella prova che fa venire in mente alcune sperimentazioni elettroniche dei Belle and Sebastian. Altri pezzi interessanti sono “Rubber Bullets” che ti cattura subito tra distorsione e cabaret, D.I.S.C.I.P.L.E. quasi dei Devo in sala operatoria, Rejoice! che in coda mi fa venire in mente Debbie Harry che li raggiunge sul palco.

In realtà l’intero lavoro si sviluppa in modo eccellente lasciando una sensazione di una grande potenzialità, che si esprime in modo quasi totalmente compiuto regalandoci un album di altri tempi.

I Clinic sono secondo me sottovalutati, il loro sound tra talento alla Syd Barret e sperimentazione elettronica fine anni 70, è assolutamente sorprendente e se proprio devo avere una speranza è che si decidano ad alzare il tiro e spingere sull’ elettronica.

Questo è un album che non li renderà più famosi, o addirittura popolari, ma che per chi già li apprezza sarà sicuramente un nuovo tassello importante  di una carriera ormai abbastanza lunga e significativa.

Credit Foto: Rhian Askins

Tracklist
1. Laughing Cavalier
2. Complex
3. Rubber Bullets
4. Tiger
5. Ferryboat Of The Mind
6. Mirage
7. D.I.S.C.I.P.L.E
8. Flying Fish
9. Be Yourself/Year Of The Sadist
10. Congratulations
11. Rejoice!
12. New Equations (At The Copacabana)
 
 

Baroness – Gold & Grey

Ci sono dischi che segnano la fine di un ciclo. “Gold & Grey” è l’album con cui i Baroness scelgono di chiudere la serie di ...

Perry Farrell – Kind Heaven

Ammettiamolo: la carriera solista del buon Perry Farrell non è mai decollata veramente. Penalizzata dai molteplici impegni di un uomo che ...

Peter Perrett – Humanworld

Qualcuno dovrebbe fare un docu – film sulla vita di Peter Perrett, frontman dei The Only Ones. Gruppo capace di pubblicare tre album ...

Whenyoung – Reasons to Dream

Limerick è una cittadina situata alla foce del fiume Shannon nell’Irlanda sud-occidentale. È storicamente formata da due ...

SOAK – Grim Town

Sono passati quasi quattro anni da “Before You Forgot How To Dream”, l’ottimo debutto di Soak, ma alla fine di aprile, via Rough Trade ...