WAND
Laughing Matter

[ Drag City Records – 2019 ]
8
 
Genere: Alternative Garage, Psychedelic Noise Pop
 
22 Maggio 2019
 

Sapete, io, gli Wand, li ho conosciuti grazie al mio chitarrista, senza di lui non avrei mai ascoltato “1000 Days”, uno dei miei dieci album preferiti in assoluto (infatti lo ringrazio infinitamente); poi quando è arrivato “Plum” non l’ho recepito benissimo, ero in un contrasto interiore, mi piaceva per alcuni aspetti e per altri molto meno, ma, adesso che è uscito “Laughing Matter”, la musica cambia, letteralmente.

Ho ascoltato il disco almeno una decina di volte prima di apprezzarlo: è leggermente ostico, perché ha delle parti molto melodiche e lunghe (quasi soporifere, a un ascolto distratto) in contrasto con del noise niente male. Sta di fatto che l’intero album favorisce (anzi, pretende) dei cicli di ascolto prolungato per essere capito allaperfezione, ma, vi assicuro, ne vale la pena. Pezzi come: “Xoxo”, “Thin Air” oppure la incredibile “Airplane” sono delle mine vaganti. Il fatto che sia così lungo non lo rende immediatamente fruibile a tutti, ormai la gente è abituata a pezzi corti e “superorecchiabili”, e invece questa volta si richiede un po’ di sforzo, ne siete capaci?

Questa però non è la consacrazione, attenzione, è la conferma, sì, la conferma che gli Wand sono una band di qualità. Probabilmente quello che abbiamo fra le mani potrebbe essere un segno premonitore di quello che sarà il loro futuro artistico musicale, ma forse è troppo presto per fare previsioni, per adesso godetevi “Laughing Matter”, datevi un’oretta e mezza per ascoltarlo, con calma, e carpirne l’essenza. Fatelo!

Credit Foto: Abby Banks

Tracklist
1. Scarecrow
2. Xoxo
3. Bubble
4. High Planes Drifter
5. Walkie Talkie
6. Thin Air
7. Hare
8. Wonder
9. Evening Star
10. Tortoise
11. Rio Grande
12. Airplane
13. Lucky's Sight
14. Wonder (II)
15. Jennifer's Gone
 
 

Stian Westerhus – Redundance

Con la classe e la competenza tipica del vero musicista, Stian Westerhus prosegue il suo particolarissimo percorso di evoluzione artistica ...

Anna Calvi – Hunted

Non sono rari al giorno d’oggi i casi di album che vengono rivisti, rimaneggiati – con chiavi di lettura di volta in volta ...

Birthh – Whoa

E’ italianissima, ma non lo diresti mai, almeno riferendosi alla sua musica e al suo universo di riferimento. Alice Bisi – che a ...

Jet Set Roger – Un rifugio ...

Jet Set Roger (alias Roger Rossini) è un artista a cui non piace certo vincere facile, e lo dimostra una volta di più con il suo nuovo ...

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...