OGGI “THE MAN WHO” DEI TRAVIS COMPIE 20 ANNI

 
di
24 Maggio 2019
 

Sui prodromi del cedimento del britpop se ne è parlato tanto. E su quanta era comunque la voglia del pubblico di avere ancora del rock fatto di chitarre melodiche e ritornelli indimenticabili, pure. E pure su come, quindi, tanti gruppi vennero fuori cercando fortuna, in quello che poi verrà ricordato come post-britpop.

Tra i vari Coldplay, Stereophonics, Starsailor e compagnia cantante, impossibile non citare i Travis e il suo dominus Fran Healy.

Il primo album “Good Feeling” ottimo per cavalcare l’ondata britpop con solarità e quelle chitarre rock pop tipiche del movimento, disinvolto, apprezzato anche se non indimenticabile, quindi la svolta: le chiavi vengono affidate a Nigel Godrich, autentico carneade forse per alcuni, invero giovane produttore e tecnico del suono che sta collezionando perle su perle; c’è lui dietro all’esplosione dei Radiohead, a “Mutations” di Beck, sempre lui figura al missaggio per successi commerciali come “UP” dei R.E.M. o all’esordio di Natalie Imbruglia (piccola nota patriota: poco più che 18enne era stato anche tecnico del suono per “Scandalo” della Gianna nazionale).

Ed ecco che come il passare dei mesi e delle stagioni per gli scozzesi Travis finiscono i caldi, spensierati pomeriggi di fine settembre, scanzonati e frizzanti, e si passa a scenari dicembrini, pallidi e freddi, come è la natia Scozia: e quindi via alle melodie, alle chitarre rotonde e melanconiche, a ballate calde, a tratti timide, emozionali, ma condite di vitale ironia, con un suono che si fa più nitido e meno sporco, e le atmosfere più beatlesiane e meno kinksiane con una chitarra elettrica in meno ed un’acustica in più, i pezzi a presa immediata, delicati ma coinvolgenti: ecco “The Man Who”, ed ecco il successo a livello planetario.

Che poi, una buona parte delle canzoni di questo album erano già state scritte da Healy negli anni precedenti, dove già Sua Maestà Noel Gallagher li aveva insigniti del grado di Cavalieri dell’Ordine portandoseli ad aprire gli Oasis in alcune date: difatti, il primo estratto “Writing to Reach You” ha più di un richiamo, sia nel testo che nella struttura sonica, a “Wonderwall”. Tanto basta, il pezzo piace, ed è un buon successo sia in termini commerciali (14esimo nella UK Chart) che di critica.

E allora avanti, con un nuovo estratto “Driftwood”, beatlesiana (come la è peraltro “As You Are”, vicinissima all’abito sonoro di “Across The Universe”), lineare ma dal cullante tepore.

Ma i Travis devono calare ancora gli assi, ed ecco allora che si giocano la carta “Why Does It Always Rain On Me?” come terzo singolo: Boom. E’ esplosa una stella. E il bagliore si vede fino al Giappone, all’America, all’Australia, dove il singolo entra dritto nelle top 10. Dolce, umana, autoironica, diretta, uno scacciapensieri in musica accompagnato da viole in sottofondo che la rendono ancor più indimenticabile.

Non contenti, gli scozzesi azzardano l’all-in: ecco quindi il crescendo emozionale, epico, da autentico inno da stadio che caratterizza il terzo estratto, “Turn”. Altro successo. Altra conferma.

“The Man Who” aprirà le porte del paradiso musicale ai Travis, compresi gli accessi ai palchi dei più grandi festival in giro per il mondo ed quelli alle classifiche: raggiungerà il numero uno nella loro Scozia e nella UK Charts, li vedrà vincere due Brit Awards nel 2000 come miglior album e gruppo britannico, venderà nel Regno Unito oltre 2 milioni e mezzo di copie e qualcosa come 3 e mezzo in tutto il mondo.

E, con ogni probabilità, rimarrà il masterpiece di Fran Healy e compagni.

Travis – The Man Who
Data di pubblicazione: 24 Maggio 1999
Tracce: 10
Lunghezza: 47:33
Etichetta: Independiente
Produttori: Nigel Godrich, Mike Hedges
Tracklist:

1. Writing To Reach You
2. The Fear
3. As You Are
4. Driftwood
5. The Last Laugh Of The Laughter
6. Turn
7. Why Does It Always Rain On Me?
8. Luv
9. She’s So Strange
10. Slide Show – The Blue Flashing Light

 

Oggi “Frigid Stars LP” ...

I Codeine possono tranquillamente essere considerati i Joy Division dell’alternative rock. Come la formazione di Ian Curtis sta agli ...

Oggi “Garbage” dei ...

Quando venticinque anni fa i Garbage fecero il loro ingresso nel mondo del rock, se ne parlava (erroneamente) quasi come fossero un progetto ...

Oggi “Soup” dei Blind ...

Shannon Hoon e i suoi Blind Melon hanno vissuto in una terra di mezzo, arrivati troppo tardi per salire sul treno del rock sfrenato di ...

Oggi “Little Kix” dei ...

Che triste destino quello di “Little Kix”. Quando si parla dei Mansun o, semplicemente, si pensa alla formazione di Paul Draper, ...

Oggi “Bossanova” dei ...

“Bossanova” dei Pixies mi ha sempre fatto pensare allo Spazio. Sarà per la copertina, sarà per l’immaginario della band, e i testi ...