THE LIBERTINES: LA TOP 10 BRANI

 
di
27 Maggio 2019
 

Attualmente, Carl Barât è in tournée in Estremo Oriente, Pete Doherty ha pubblicato un album con i suoi The Puta Madres, senza dimenticare le ultime cose del bassista John Hassal con i The April Rainers e del battersita Gary Powell impegnato con i The Specials: in tutto questo, i Libertines, tra varie peripezie, sono però ancora in piedi, e sono amati e seguiti da centinaia di migliaia di fan.

Ripercorriamo qui la loro carriera, con la TOP 10 dei brani, a detta nostra, più significativi: non fatevi ingannare, l’ordine è cronologico, ottimo per valutare l’evoluzione dei ragazzi inglesi.

10 – WHAT A WASTER

2002

L’esordio è esplosivo: dietro le quinte, inoltre, c’è Bernard Butler, ex Suede.

9 – BOYS IN THE BAND

2002, da “Up The Bracket”

“Up The Bracket” strappa subito applausi: contagiosissimo il suo garage, pieno di rumore, agganci, cambi di passo.

8 – TIME FOR HEROES

2002, da “Up The Bracket”

C’è sempre bisogno di eroi: oddio, forse servirebbero valori lievemente più virtuosi…

7 – THE BOY LOOKED AT JOHNNY

2002, da “Up The Bracket”

Punk, sconclusionata, sciatta, tremendamente lo-fi: è lo spirito dei The Libertines nella loro forma migliore. Quella peggiore.

6 – DON’T LOOK BACK INTO THE SUN

2003

Il vestito è garage e punk, ma l’animo è pop: i Libertines sbancano.

5 – CAN’T STAND ME NOW

2004, da “The Libertines”

Tra Carl e Pete c’è amicizia, ma il rapporto è di amore e odio: non se le mandano certo a dire, e non si vergognano a raccontarlo. Il pezzo, in sé, è una bomba.

4 – MUSIC WHEN THE LIGHTS GO OUT

2004, da “The Libertines”

L’album è un gran successo commerciale: non mancano i momenti più intimi, ottimi per calamitare più pubblico possibile.

3 – WHAT KATIE DID

2004, da “The Libertines”

No, la canzone non è dedicata a Kate Moss. Eppure i Libertines (specie Doherty) fanno parlare tanto di loro anche per motivi extra musicali.

2 – MAYDAY

2007, da “Time for Heroes”

Il sottobosco delle b-side dei Libertines è ricco, specie di pezzi al fulmicotone: scegliamo questa “Mayday”, ricompresa nella raccolta “Time for Heroes”.

1 – HEART OF THE MATTER

2015, da “Anthems for Doomed Youth”

Vari problemi, specie quelli di Doherty con la droga, portano alla rottura dei Libertines: eppure Carl e soci trovano la forza ed il coraggio di ricomporre il giocattolo, con il terzo album che esce dopo 11 anni, preceduto da diverse cose a livello singolo dei componenti. Lo smalto, il piglio ed il talento, però, sono ancora lì intatti.

Bruce from Sydney, Australia / CC BY

 

Do The Cabaret Voltaire

A Richard H. Kirk Sì, è davvero così: i Cabaret Voltaire non sono mai stati una band nel senso classico del termine, ma, più ...

La vera “Regina degli ...

Nona Gaprindashvili, campionessa di scacchi georgiana oggi ottantènne, ha intentato una causa per diffamazione da 5 milioni di dollari ...

Oggi “Wretch” dei Kyuss ...

Josh Homme, Nick Oliveri, Brant Bjork e John Garcia, una line-up leggendaria, oltre che l’anima più primordiale e viscerale dello ...

Wes Anderson ha diretto il video di ...

Wes Anderson ha diretto il video animato di “Aline”, cover della cantante francese Christophe realizzata per il suo nuovo film ...

VIDEO: Scruffpuppie – ...

Scruffpuppie, il cui vero nome è JJ Shurbet, proviene da Paris, Texas e ha finora realizzato un paio di album, “Zombie Boy” ...