GUITAR WOLF
LOVE&JETT

[ Third Man Records - 2019 ]
7
 
Genere: garage punk
 
31 maggio 2019
 

Per Simon Reynolds, uno dei più autorevoli critici musicali in circolazione, il Giappone è un vero e proprio “impero del rétro”. Nel corso degli anni, ogni singola forma e incarnazione della cultura occidentale – popolare e di nicchia, bassa e alta, senza fare troppe differenze – è stata “curata, assimilata e riprocessata” da un esercito di appassionati del vintage.

Si tratta di un’ossessione che va ben oltre il semplice collezionismo: quante band nipponiche propongono generi nati in Gran Bretagna o negli Stati Uniti seguendo un approccio che si potrebbe definire da maniaco dei dettagli? E il bello è che, copiando fino all’ultima virgola i loro beniamini di Londra o New York, i più talentuosi tra questi artisti sono riusciti a dar vita a uno stile talmente particolare da diventare persino originale.

Ricollegandosi ancora al pensiero di Reynolds, nel Paese del Sol Levante il rock diventa meta-rock: un rimescolamento di citazioni, plagi e riferimenti colti che sottintende un totale dominio della materia ma fatica a trasformarsi in arte a tutti gli effetti, ingarbugliato com’è nella rete dell’imitazione. Si finisce così a fare musica esclusivamente per parlare della propria musica preferita, senza preoccuparsi di trasmettere alcunché all’ascoltatore.

Per fortuna c’è chi dimostra di avere personalità a sufficienza da non correre rischi di autoreferenzialità: prendete i Guitar Wolf, per esempio. Il riottoso power trio di Tokyo, in circolazione dal lontano 1987, arriva all’invidiabile traguardo dei tredici album dati alle stampe con “LOVE&JETT”, il primo a uscire per la Third Man Records di Jack White. Neanche ventisei minuti di garage punk granitico, intransigente e dal sapore ‘50s/’60s per dieci tracce che suonano come schegge impazzite, talmente rumorose da sfociare in più di qualche occasione nel noise – se non addirittura nella pura cacofonia.

Il “tratto caratteristico della sensibilità nipponica” (cito ancora Reynolds e il suo libro “Retromania”) c’è e si sente: il garage punk di Guitar Wolf (chitarra e voce), Bass Wolf (basso) e Drum Wolf (batteria) è assolutamente fedele ai modelli originali (MC5, Ramones e Misfits su tutti). Ma è una fedeltà talmente eccessiva e maniacale da trasformarsi in una sorta di inedita overdose ultra-garage punk, nel quale ogni aspetto del genere – dai suoni alle strutture dei brani, dall’aggressività alla qualità lo-fi delle registrazioni  – sembra palesarsi sotto l’effetto di steroidi. Ed è proprio questo a rendere “LOVE&JETT” un disco curioso e interessante. Da non perdere la cover malatissima di “Gimme Some Lovin’” dello Spencer Davis Group – ma fate attenzione ai timpani!

Tracklist
1. LOVE&JETT
2. Sex Jaguar
3. Sci-Fi Brat
4. Australopithecus Spark
5. Planet Of The Battera
6. Gimme Some Lovin'
7. Girl Boss Of Paris
8. Bowling In Takada-No-Baba
9. Fireball Red Legend
10. Mayumi The Untouchable
 
 

Noel Gallagher’s High Flying ...

La Wibbling Rivalry, seppure a distanza, tra i fratelli Gallagher procede senza soluzione di continuità. E sembra quasi interessare più ...

Psychedelic Porn Crumpets – ...

Allora, ci eravamo lasciati, ormai l’anno scorso, con la recensione dei loro primi due album, che non erano male se tralasciamo ...

The Warlocks – Mean Machine ...

“Mean Machine Music” è un titolo che si addice ai The Warlocks, band losangelina capitanata da Bobby Hecksher che in una carriera ...

La Grazia Obliqua – Canzoni ...

La Grazia Obliqua, band romana, è una Luna dalle molteplici facce sulla quale le diverse espressioni artistiche – musica, immagini, ...

Bruce Springsteen – Western ...

«A jewel box of a record». Un gioiello. Così Bruce Springteen ha definito il suo 19esimo album, “Western Stars”. Il primo ...