DRAHLA
Useless Coordinates

[ Captured Tracks - 2019 ]
7.5
 
Genere: No wave, Art-pop, Post Punk
Tags:
 
3 giugno 2019
 

Attivi dal 2016 con tre EP già pubblicati, i Drahla da Leeds, Yorkshire, ci rivelano il loro universo artistico che cerca di fondere due importanti ed essenziali forme d’arte, quella musicale che si esprime con i suoni e quella visuale, qui espressa nei video e nei loro photo booklet. Lucien Brown (voce e chitarra) e Rob Riggs (basso) grazie alle loro esperienze ed abilità in Art Design ce ne danno subito una prova con il video del loro primo singolo “Stimulus for Living” a cui si lega il booklet “A Souvenir”. La loro è quindi una sfida all’usanza standardizzata di produrre e proporre musica: basta ascoltare il loro lavoro per rendercene subito conto. Ai due già menzionati componenti si aggiungono Mike Ainsley alla batteria (e questo è il trio originale) e, a testimoniare il debole della Brown per il jazz, il sassofonista Chris Duffin (Virginia Wing e XAM Duo) che contribuisce con la sua quota destabilizzante ad arricchire i pezzi già sperimentali, caotici e cerebrali partoriti dalla band. Le influenze sono palpabili e possiamo individuarle come una fusione tra no-wave e post-punk a cui si aggiunge quel sapore jazz garantito dall’estroverso apporto di Duffin.

Se si vuole accostare il suono dei Drahla ad una storica band non possiamo fare a meno di evocare i Sonic Youth che nella New York degli anni ’80 diventarono una band di culto con il loro atipico suono che seppur affondando le proprie radici nel fertile terreno del punk rock, aveva messo in dubbio ogni stereotipo trovando una propria identità stilistica. Nella terra della Rosa Bianca invece, un basso potente e deciso, la chitarra di Lucien che scarica accordi che risuonano come una rabbiosa esecuzione alla ghigliottina mentre scandisce le parole in tono deciso e spavaldo come fossero sentenze definitive, il sax che entra a volte a piedi uniti, in altre in punta di piedi sono i punti cardinali di una bussola che i Drahla consultano nelle loro esplorazioni.

Inutili le coordinate, dobbiamo per forza credergli, nessun punto di riferimento, nessuna stella polare. La loro è musica destinata a dividere tra chi ne resta affascinato e chi passa subito ad altro, senza remore e tentennamenti.

Credit Foto: Emma Swann

Tracklist
1. Gilded Cloud
2. Serenity
3. Pyramid Estate
4. Stimulus for Living
5. React/Revolt
6. Primitive Rhythm
7. Serotonin Level
8. Twelve Divisions of the Day
9. Unwound
10. Invisible Sex
 
 

Baroness – Gold & Grey

Ci sono dischi che segnano la fine di un ciclo. “Gold & Grey” è l’album con cui i Baroness scelgono di chiudere la serie di ...

Perry Farrell – Kind Heaven

Ammettiamolo: la carriera solista del buon Perry Farrell non è mai decollata veramente. Penalizzata dai molteplici impegni di un uomo che ...

Peter Perrett – Humanworld

Qualcuno dovrebbe fare un docu – film sulla vita di Peter Perrett, frontman dei The Only Ones. Gruppo capace di pubblicare tre album ...

Whenyoung – Reasons to Dream

Limerick è una cittadina situata alla foce del fiume Shannon nell’Irlanda sud-occidentale. È storicamente formata da due ...

SOAK – Grim Town

Sono passati quasi quattro anni da “Before You Forgot How To Dream”, l’ottimo debutto di Soak, ma alla fine di aprile, via Rough Trade ...