THE STROKES: LA TOP 10 BRANI

 
di
4 giugno 2019
 

Gli Strokes hanno in programma diverse date per la prossima estate, e qualcuno vocifera anche di un nuovo album in arrivo (l’ultimo, “Comedown Machine”, è addirittura del 2013).

Un esordio col botto, poi un lento declino per Casablancas e soci: amati o odiati, ripercorriamo la loro carriera, in ordine cronologico ma partendo dalle cose più recenti, ordine che collima con la qualità della loro produzione.

10 – ALL THE TIME

2013, da “Comedown Machine”

“Comedown Machine” è abbastanza deludente: non tutto però è da buttare, un pezzo come “All The Time” ha la sua buona dose di energia.

9 – MACHU PICCHU

2011, da “Angles”

Anche “Angles” certo non brilla come lavoro, ma pure in questo caso non tutto è da buttare: “Machu Picchu” è contagiosa ed immediata.

8 – RED LIGHT

2006, da “First Impressions of Earth”

Il terzo album dei newyorchesi divide un po’ la critica, il tiro è sicuramente più debole degli esordi, ma del buono comunque c’è: “Red Light” vede Fabrizio Moretti martellare militaresco, e il pezzo ha il suo magnetismo.

7 – 12:51

2003, da “Room on Fire”

L’hype attorno a “Room on Fire” è a dir poco tremendo, gli Strokes però tengono botta: “12:51”, con la batteria, l’hand clapping e la chitarra di Hammond Jr. a spalleggiare Casablancas, è furba quanto vincente.

6 – REPTILIA

2003, da “Room on Fire”

Tuffo all’indietro nel garage più graffiante à la Television: “Reptilia”, inutile nascondersi, ha il turbo innescato.

5 – THE END HAS NO END

2003, da “Room on Fire”

Le chitarre intrecciate di Hammond Jr. e Valensi sono un marchio di fabbrica dei primi lavori, “The End Has No End” le mette in mostra in modo evidente.

4 – I CAN’T WIN

2003, da “Room on Fire”

Attacco di chitarra semplice quanto calamitante, per un pezzo spensierato e ammaliatore: il resto lo fa la voce di Casablancas, storta e che sembra venire da 1000 pacchetti di sigarette fumati…

3 – HARD TO EXPLAIN

2001, da “Is This It?”

L’esordio degli Strokes, volenti o nolenti, entra nella storia del rock del ventunesimo secolo: il successo è clamoroso. Sia chiaro, Casablancas e soci non hanno inventato niente, ma vanno a punto con facilità disarmante: il primo singolo “Hard to Explain” è volutamente vintage, grezzo, lo-fi, quanto melodico e coinvolgente. Boom.

2 – LAST NITE

2001, da “Is This It?”

Casablancas sfatto, l’aria che si respira è quella da CBGB degli anni d’oro della musica newyorkese, il tiro è garage e libidinoso. Altro centro.

1 – SOMEDAY

2001, da “Is This It?”

Power pop all’ennesima potenza, ammiccante, stonata e scanzonata, divertente e malinconica allo stesso tempo: gli Strokes si prendono il piatto.

Credit Foto: Roger Woolman [CC BY 3.0], via Wikimedia Commons

 

Ascolta “Flashback”, il ...

Messa da parte la sua anima più rock, Nicola Perina torna a farsi sentire con “Flashback”, un brano dove è la semplicità a ...

EP: Heavy Rapids – Cash in ...

Del buono stato di salute del punk rock oltremanica ne stiamo già parlando da diversi mesi. Avevamo già avuto modo (qui) di conoscere gli ...

“Salted Caramel Ice ...

Il tanto atteso ritorno dei Metronomy sta per arrivare. Oggi la band condivide il nuovo singolo e video per “Salted Caramel Ice ...

Baroness – Gold & Grey

Ci sono dischi che segnano la fine di un ciclo. “Gold & Grey” è l’album con cui i Baroness scelgono di chiudere la serie di ...

Perry Farrell – Kind Heaven

Ammettiamolo: la carriera solista del buon Perry Farrell non è mai decollata veramente. Penalizzata dai molteplici impegni di un uomo che ...