OGGI “CONTRABAND” DEI VELVET REVOLVER COMPIE 15 ANNI

 
di
8 Giugno 2019
 

Prendi degli ex Guns N’ Roses dai nomi pesantissimi come Slash, Duff McKagan e Matt Sorum, aggiungici un altro cavallo di razza come Dave Kushner (Wasted Youth, Infectious Grooves), cosa manca?

Sicuramente un frontman all’altezza delle bocche da fuoco di cui sopra; e dopo alcune audizioni (inizialmente si parlava pure di Sebastian Bach degli Skid Row) la scelta ricade su Scott Weiland degli Stone Temple Pilots: un pezzo da 90, senza dubbio, ma un investimento ad altissimo rischio per via di uno stile di vita che dire sregolato è un eufemismo, e che lo porterà nel 2015 ad una prematura scomparsa per overdose di eroina (ed ancora prima, alla messa da parte del progetto Velvet Revolver subito dopo il successivo album “Libertad”).

Sulla carta, però, un supergruppo da fantarock, adattando il termine dal mondo del calcio.

Due pezzi nel 2003, “Set Me Free” che finirà nella colonna sonora di “The Hulk” e una cover di “Money” di casa Pink Floyd come apripista, quindi il singolo “Slither” nel 2004: di lì a poco uscirà il primo lavoro, “Contraband”.

Che l’impostazione fosse molto Guns, per quanto questa pagina sembrasse definitivamente chiusa da oltre un decennio, era lecito aspettarselo: adesso però il soggetto di punta non è più la tigre Axl Rose, muscolare ed esplosivo, ma l’anaconda Scott Weiland: conturbante, sinuoso, ma pronto a stritolarti. Una voce calda, stupenda, poliedrica, dalla potenza intrinseca clamorosa. Un animale da palco a tutto tondo.

L’album, per quanto lungo, è un moderno manifesto rock: si alternano esplosioni dinamitarde di metallo (“Sucker Train Blues”, “Dirty Little Thing”), momenti di emozionante profondità (la deliziosa “Fall to Pieces” o “Loving the Alien”), manifestazioni assolute di talento in cui ogni singolo componente trova il modo di mettere sul piatto il proprio bagaglio tecnico (la già richiamata “Slither”, “Big Machine”, “Superhuman”) senza oscurare gli altri membri del gruppo.

L’album vendette qualcosa come oltre 4 milioni di copie in tutto il mondo, e i Velvet Revolver si aggiudicarono il successivo Grammy Award per la migliore Hard Rock Performance.

 

Velvet Revolver – Contraband
Data di pubblicazione: 8 Giugno 2004
Tracce: 13
Lunghezza: 56:47
Etichetta: RCA Records
Produttori: Josh Abraham, Nick Raskulinecz

Tracklist:
1. Sucker Train Blues
2. Do it for the Kids
3. Big Machine
4. Illegal
5. Spectacle
6. Fall to Pieces
7. Headspace
8. Superhuman
9. Set Me Free
10. You Got No Right
11. Slither
12. Dirty Little Things
13. Loving the Alien

 

The Clash: La TOP 10 Brani

Una volta chiesero a Joe Strummer come avrebbe riassunto, in poche parole, cos’erano stati i Clash, se si fosse trovato davanti ...

Oggi “Spirito” dei Litfiba ...

Pubblicato il 19 novembre del 1994, “Spirito” è considerato da molti il canto del cigno della ditta Pelù&Renzulli. Il terzo album ...

Oggi “Them Crooked Vultures” ...

Iniziò con il successo degli Audioslave, finì con il catastrofico incontro tra Metallica e Lou Reed. La stagione dei supergruppi ha ...

Oggi “Arena” dei Duran Duran ...

Oggi “Arena” dei Duran Duran compie trentacinque anni. E chissenefrega, penserete voi. Io invece vi dico di non sottovalutare ...

Oggi “Hatful of Hollow” dei The ...

“Hatful of Hollow” è una raccolta assai particolare e, per quanto nel futuro degli Smiths ci saranno altre ottime raccolte, ...