THE AMAZONS
Future Dust

[ Fiction Records - 2019 ]
5
 
Genere: Pop Rock
 
di
10 giugno 2019
 

Sarà, ma comincio a pensare che la coccarda preventiva di next big thing porti più sfiga che altro: ogni volta che un gruppo o un artista viene fregiato di codesto distintivo, quasi inevitabilmente finisce per uscirsene con un lavoro deludente; saranno le aspettative che inesorabilmente diventano medio/alte, pur per un ascoltatore più o meno prevenuto. Anno scorso mi era successo con i Blossoms, per tacere di Greta Von Fleet e simili, oggi tocca ai The Amazons.

Va detto, dove il primo lavoro era più pop che rock, e di certo non rientrerà mai negli album che hanno scritto la storia della musica, qui il calibro si sposta su un voltaggio più alto: ma l’offerta è di rock a trame poppeggianti del più edibile, tirato a lucido, che si distingue solo per prevedibilità e scontatezza.

Qualche pezzo (“Doubt It”, “Mother”, “All Over Town”) cerca sì un qualche grado di spessore, ma a conti fatti tutto finisce per appiattirsi, se non addirittura accartocciarsi, su se stesso nella ricerca quasi esasperata dell’anthemico, del coro da stadio o almeno dell’aggancio memorabile, tra riff, schitarrate e falsetti; si prova anche a fare dello stoner à la QOTSA, quando non direttamente scimmiottare il rock più scolastico e consolidato di matrice anni 70: ma la personalità, questa sembra (ahi loro, e ahi noi) merce sconosciuta.

E quindi, come per i richiamati Blossoms e coevi, se siete alla vera ricerca della next big thing e dei salvatori del rock, l’esternazione per i The Amazons torna ad essere sempre la solita: ciao core.

Photo by Sarah Louise Bennett

Tracklist
1. Mother
2. Fuzzy Tree
3. 25
4. The Mire
5. Doubt It
6. All Over Town
7. End Of Wonder
8. Dark Visions
9. 25 (Reprise)
10. Warning Sign
11. Georgia
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...