THE DIVINE COMEDY
Office Politics

[ Divine Comedy Records - 2019 ]
8
 
Genere: chamber/ synth-pop
 
10 Giugno 2019
 

Tanti anni che scrivo di musica, tantissi anni che ascolto musica, eppure mi capita ancora di cadere nella rigidità, che invece, per chi si occupa di “parlare” di musica è davvero un peccato mortale. Ai primi due ascolti di questo album dei Divine Comedy mi sono chiesto cosa fosse saltato in mente a Neil Hannon. Il mio idolo, quello che ha scritto vere e proprie poesie chamber pop mi sembrava che si fosse messo a pasticciare con i synth.

Chi pasticciava ero io.

Non è un terreno sconosciuto quello del synth-pop per Neil, che da bambino adorava la new wave e le band pop che vedeva a “Top Of The Pops”. Ecco che quello che a me pareva un viaggio in un territorio sconosciuto per lui era invece una ripresa di sensazioni e sonorità familiari e amate. Il delizioso impianto melodico che conosciamo e riconosciamo da sempre nella creatura di Neil Hannon non manca, ma questa volta accanto alla strada consueta compare anche un binario parallelo in cui gli anni ’80 e gente come Pet Shop Boys, Bowie e Kraftwerk fanno la loro comparsa e a tratti non sono neanche così rassicuranti.

Non è sempre allegro e piacevole, infatti, il mondo dipinto da “Office Politics”. Una realtà che guarda indietro, ad anni in cui la tecnologia non  era così opprimente e i telefoni avevano ancora i fili e a una società in cui un presidente a nome Donald Trump era semplicemente una battuta di pessimo gusto. Neil Hannon guarda con rimpianto a quei tempi, si mostra preoccupato ma anche stravagante e deliziosamente nostalgico: tutto queste sensazioni le mette nei suoi testi ma anche nella musica, perché per lui parole e suoni sono sempre collegati e vanno di pari passo.

Sicuramente questo è un disco ambizioso, ricco, ricchissimo di spunti e variegato. Il ritmo, forse come non mai, la fa da padrone fin da “Queuejumper” che ci rimanda a Paul Simon, ma come non rimanere basiti di fronte a “Infernal Machines” che incalza, plasticosa, oscura e acida, con questo pseudo organetto che da un tocco assurdo quasi glam o alla voce robotica in “Psychological Evaluation” che viaggia su un precevolissimo lavoro ritmico. Ma poi ecco un funk quasi alla Prince che però incontra le morbidezze classiche del nostro Neil e dolcezze beatlesiane in “Absolutely Obsolete” o ancora il folletto di Minneapolis che fa capolino nella magnifica ballata synth (così sobria e delicata) di “A Feather In Your Cap” (molto anni ’80). Ma non finisce qui, perché la passione per il cinema del nostro emerge in un gioiellino jazzato come “You’ll nver Work In This Town Again”, adatta a un noir metropolitano. Non manca nemmeno, accanto a un lato cinematografico, anche quello più teatrale, basti ascoltare “I’m A Stranger Here” o “Opportunity’ Knox”. Nel finale il disco ci riconsegna quel Neil che conosciamo bene e apprezziamo da sempre, quello con le melodie ariose e arrangiate con gusto (molto morriconiana “When The Working Day Is Done”), ma guai a dimenticare quel gioiello chamber pop che è “Norman and Norma”.

Dopo tutto quello che vi ho detto, potremmo non considerarlo come un un gran bel disco, provocatorio e eclettico? Non ha paura di mettersi in gioco il buon Neil e vince una partita tutt’altro che scontata. Genio. Punto e basta.

Tracklist
1. Queuejumper
2. Office Politics
3. Norman And Norma
4. Absolutely Obsolete
5. Infernal Machines
6. You'll Never Work In This Town Again
7. Psychological Evaluation
8. The Synthesiser Service Centre Super Summer Sale
9. The Life And Soul Of The Party
10. A Feather In Your Cap
11. I'm A Stanger Here
12. Dark Days Are Here Again
13. Philip And Steve's Furniture Removal Company
14. Opportunity' Knox
15. After The Lord Mayor's Show
16. When The Working Day Is Done
 
 

The Morsellis – The Primavera ...

Un nuovo album di Alberto Morselli rappresenta sempre un piccolo evento, visto quanto è stata centellinata la sua attività discografica ...

The Cavemen – Night After ...

The Cavemen sono inarrestabili: il loro EP, “Lowlife”, era uscito solamente a febbraio, ma ieri è già arrivato un nuovo album, ...

Misery Loves Co. – Zero

Avevamo lasciato gli svedesi Misery Loves Co. fermi al 2000, anno in cui venne pubblicato l’album “Your Vision Was Never Mine To ...

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...