HAYDEN THORPE
Diviner

[ Domino - 2019 ]
8
 
Genere: art-rock, soul
 
12 Giugno 2019
 

Hayden Thorpe, ex frontman dei Wild Beasts, debutta con “Diviner” e fa subito centro.
Devo ammettere che mi sono avvicinato al disco titubante e pieno di dubbi, un po’ perché gli ultimi lavori dei Wild Beasts mi avevano lasciato indifferente e un po’ perché il primo estratto “Love Crimes”, ad un primo ascolto, non mi era piaciuto.
Ho sbagliato. Mi sono avvicinato a “Diviner” con troppa superficialità, pronto a confronti inevitabili e invece, con i successivi ascolti, ho modificato il mio approccio.  Ora il lavoro, ad ogni play, diventa sempre più interessante e le melodie di Thorpe tornano in mente anche a stereo spento. Questo perché ha pubblicato un disco bello e buono. Bello perché ascoltarlo è una carezza per l’anima e buono perché è scritto, eseguito e registrato ‘divinamente’.

Parlo delle mie impressioni personali, perché avrò già letto una decina di articoli/interviste su questa uscita, Hayden non lesina spiegazioni, aneddoti e battute, i giornalisti sembrano fare a gara per il trovare gli aggettivi più azzeccati, ma può essere invece che “Diviner” non si possa sezionare? É un’opera, un unicum inscindibile, da ascoltare dall’inizio alla fine, in cui voce, piano e sintetizzatori formano un miscela delicata ed intima che pochi album riescono a rendere (anche dei “Wild Beasts”!). Non è un disco crepuscolare, è un disco del mattino, di quel momento in cui i sogni non sono svaniti nonostante gli occhi siano aperti. Ed è per questa sua dimensione inconscia e rarefatta che credo sia difficile, almeno per me, descriverlo a parole.

Tracklist
1. Diviner
2. Straight Lines
3. Earthly Needs
4. Love Crimes
5. Stop Motion
6. In My Name
7. Anywhen
8. Human Knot
9. Spherical Time
10. Impossible Object

 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...