MADONNATRON
Musica alla Puttanesca

[ Trashmouth Records - 2019 ]
7
 
Genere: Psychedelic witch prog, Glam
 
12 Giugno 2019
 

“Musica alla Puttanesca” è il secondo album delle Madonnatron, quartetto inglese tutto al femminile che ama trovare ispirazioni ed ingredienti per pozioni magiche nella capitale britannica.
Ovviamente e quasi inutile sottolinearlo, un disco con un titolo così curioso merita di essere ascoltato e, abbiate pazienza, apprezzato a prescindere. Stefania, Charlie, Beth e Joanie sono le quattro streghe dell’era moderna. Con la sapiente collaborazione del loro produttore di fiducia (Liam May) hanno pubblicato un album che, vi assicuro, dopo qualche ascolto vi sorprenderà. Mi sono sbilanciato troppo? Vedremo.

Intanto già dalla open track “Goodnigth Little Empire” le streghe ci portano in una discoteca degli anni ‘80, sembra quasi che il pezzo sia di Madonna (la Ciccone questa volta). Liam May aveva etichettato il genere, “psychedelic witch prog” ma qui il termine psichedelico non va solo associato a viaggi litergici passivi. Non siamo sotto l’effetto di droghe. Le streghe londinesi preparano pozioni, è tutta un’altra faccenda. Le voci sono il piatto forte della band con i cori a volte scanzonati e divertenti, a volte sexy e sibillini che riescono non solo a portarti nel loro magico mondo ma anche ad abbellire la parte musicale trovando spesso soluzioni inaspettate ma tremendamente potenti ed efficaci.

Siamo molto lontani dalle loro prime esibizioni nei locali di Londra, tempi in cui Lias Saoudi dei Fat White Family ebbe a dire che il loro suono ” è come sentire il rumore di una cucina che crolla durante un terremoto”. Hanno più consapevolezza ora, l’arrivo di Joanie ed una maggiore padronanza dell’uso degli strumenti unito all’innegabile lavoro di produzione hanno portato al giusto risultato finale che è ben descritto dal titolo dell’album. I brani trattano di serpenti assassini, personalità femminili del mondo televisivo, demoni Hindu, amanti anziani e il supporto musicale varia di brano in brano con melodie accattivanti ed atmosfere orientali ad arricchire l’ascolto. La “South London Scene” ha un’ottima band su cui contare, le Madonnatron sono nate quasi per caso, neppure sapevano suonare ma sono streghe e con la magia si può ottenere quel che si vuole.

 

Tracklist
1. Goodnight Little Empire
2. Bone Dumb Grunt
3. Liminal
4. Superhands
5. Sweet Serena
6. Flesh Pond
7. Sucker Punch
8. Blue Pill
9. Nightmare In Silver
10. Elizabeth Taylor
11. Venus & Rahu
 
 

Kevin Morby – Sundowner

Sempre piuttosto puntuale Kevin Morby realizza anche in questo triste 2020 un nuovo LP, il suo sesto solista, che arriva a distanza di ...

Anna von Hausswolff – All ...

Da tempo ormai la fatina svedese Anna von Hausswolff si è incamminata in un sentiero musicale ricco di incrinature, lontana da afflati pop ...

Jónsi – Shiver

C’era una discreta attesa per il nuovo lavoro da solista – a distanza di dieci anni dal suo esordio – di Jón Þor ...

Emmy The Great – April / ...

Era il febbraio 2016 quando Emmy The Great aveva pubblicato il suo terzo LP, “Second Love”: è passato ormai parecchio tempo, la Moss si ...

Working Men’s Club – ...

Abbiamo puntato le luci dei nostri riflettori sulla band di Sydney Minsky-Sargeant sin dai singoli d’esordio, quando la prima ...