RICHARD HAWLEY
Further

[ BMG - 2019 ]
7
 
Genere: indie-rock
 
12 Giugno 2019
 

Il nono album di Richard Hawley, pubblicato lo scorso 31 maggio, spiazza e coglie impreparati, in parte, i fan della prima ora.
Oltre al precedente “Hollow Meadows” del 2015 e l’uscita dei due live registrati al Devil’s Arse l’anno scorso, il cantautore di Sheffield si è dedicato alla scrittura di musiche originali per ben tre colonne sonore di film: ‘Funny Cow’ (2017), ‘Pond Life’ (2018) e ‘Denmark’ (2019). Processo che a suo dire è stato molto più solitario ed intimo rispetto allo comporre con una band e che la ha portato a regalarsi, per il suo 50° compleanno, un disco più diretto, composto da canzoni nate, appunto, dallo stare in sala prove con in suoi ormai fidatissimi musicisti.
Quando si parla di Richard Hawley, però, non si può parlare di cosette facili, ma più che altro di pezzi “meno pensati” che gli piace suonare di getto, magari solo più corti del solito (il più lungo “Time Is” si ferma a 4 minuti).

Si parte subito col botto con le canzoni che hanno preceduto l’uscita: “Off My Mind”, “Alone” e “My Little Treasures”, che scaldano e danno l’idea della svolta musicale, più acida (la prima canzone citata è una bella botta) e minimale del disco. L’ultimo dei tre, a mio parere, è il brano migliore dell’album, misurato e raccolto. In “Further” ed “Emilina Says” ritroviamo un Richard acustico e più classico, mentre con “Is There A Pill?” e “Galley Girl” ritorniamo a un rock più concreto.

“Not Lonely” è una ballata romantica che sembra venire dal Richard riservato e morbido di “Lowedges” del 2003. “Time Is”, dal sapore vagamente Stones, è per chi vi scrive il momento più incerto del disco. “Midnight Train” e “Doors” chiudono l’album salutandoci leggere e fresche, ma senza infamia né lode.

Hawley, pur con qualche variazione sul tema, non aggiunge nulla di nuovo al suo (ottimo) repertorio e potremmo anche pensare che i suoi momenti migliori ce li abbia ormai già regalati, tuttavia il Nostro è anche un artista incapace di scrivere brutture e questo “Further” rimane, comunque, un buon disco.

Tracklist
1. Off My Mind
2. Alone
3. My Little Treasures
4. Further
5. Emilina Says
6. Is There a Pill?
7. Galley Girl
8. Not Lonely
9. Time Is
10. Midnight Train
11. Doors
 
 

Jessie Ware – What’s ...

Jessie Ware è una cantautrice inglese che esordì nel 2012 con una piccola perla R&B infettata di sonorità anni ‘80, “Devotion”, ...

Future Islands – As Long As ...

È un album di rara eleganza quello che ci viene proposto dai Future Islands, che con questo “As Long As You Are” arrivano alla sesta ...

Born Ruffians – Squeeze

Sono passati solo sei mesi dal precedente “Juice”, eppure i canadesi Born Ruffians sono già pronti al ritorno in grande stile con un ...

The Struts – Strange Days

Mai come in questo particolarissimo periodo ho avuto modo di apprezzare album che trasmettessero buon umore e che, nella loro durata, mi ...

The Jaded Hearts Club – ...

C’era bisogno di mettere insieme tanti pezzi da novanta per un album di cover? A detta di tanti illustri colleghi recensori, ...