PSYCHEDELIC PORN CRUMPETS
And Now For The Whatchamacallit

[ Marathon Artists ‎- 2019 ]
6.5
 
Genere: Psychedelic Rock
 
14 Giugno 2019
 

Allora, ci eravamo lasciati, ormai l’anno scorso, con la recensione dei loro primi due album, che non erano male se tralasciamo qualche vistosa scopiazzatura qua e la (Tame coof Impala coof coof) ma recentemente è uscito il loro nuovo album e quindi, beh, direi di parlarne.

“And Now For The Whatchamacallit” (un nome un po’ più complicato no?) è il titolo di un album che non mi ha colpito. Perché? Beh, La cosa è molto semplice. Non c’è stato quel doveroso salto sonoro in avanti. Siamo un po’ fermi alle soluzioni già sentite in precedenza e sembra di ascoltare una fusione tra “Innerspeaker” (esordio dei Tame Impala) con il cantato dei vecchi Arctic Mokeys ed una spruzzata di King Gizzard. Che detto così fa anche figo, ma resta sempre una personalità che non emerge mai.
Esempi? “Hymn for a Droid” riprende la voce di Turner, in “Native Touge” sembra di ascoltare proprio i primi Tame Impala, “When in Rome” riprende i giri di chitarra dei King Gizzard con ancora richiami evidenti alla formazione di Kevin Parker: insomma potrei citare altri millemila esempi ma, come nell’ “indovina chi?”, lascio a voi il compito di trovare il resto (buona fortuna).

Parliamo anche di qualcosa di positivo, che c’è, è giusto dirlo, al di là di evidenti limiti in fase di scrittura. “My Friend’s a Liquid”, cosa cazzo non è sto pezzo, è una mina, supercatchy e ben eseguito. Da questo brano potrebbe emergere la vera natura della band e qui m’incazzo, perché per tutto il tempo sembra che mi prendano in giro e poi tirano fuori un pezzo del genere.

Ci sono altri due pezzi che mi son piaciuti, “Bill’s Mandolin” e “Digital Hunger”, davvero ben fatti, ma sono brani che, ancora, fanno emergere potenzialità poi non sfruttate a dovere nel resto del disco. Francamente non capisco perché la gente li lodi così, sono bravi per carità, ma questo tentare disperatamente di assomigliare ad altre band alla fine, per me (e forse per altri), potrebbe essere una politica che non paga.

Tracklist
1. Keen For Kick Ons?
2. Bill's Mandolin
3. Hymn For A Droid
4. Fields, Woods, Time
5. Native Tongue
6. Social Candy
7. My Friend's A Liquid
8. When In Rome
10. Digital Hunger
11. Dezi's Adventure
 
 

Jessie Ware – What’s ...

Jessie Ware è una cantautrice inglese che esordì nel 2012 con una piccola perla R&B infettata di sonorità anni ‘80, “Devotion”, ...

Future Islands – As Long As ...

È un album di rara eleganza quello che ci viene proposto dai Future Islands, che con questo “As Long As You Are” arrivano alla sesta ...

Born Ruffians – Squeeze

Sono passati solo sei mesi dal precedente “Juice”, eppure i canadesi Born Ruffians sono già pronti al ritorno in grande stile con un ...

The Struts – Strange Days

Mai come in questo particolarissimo periodo ho avuto modo di apprezzare album che trasmettessero buon umore e che, nella loro durata, mi ...

The Jaded Hearts Club – ...

C’era bisogno di mettere insieme tanti pezzi da novanta per un album di cover? A detta di tanti illustri colleghi recensori, ...