SOAK
Grim Town

[Rough Trade - 2019]
7.5
 
Genere: indie-pop,dream-pop
 
17 Giugno 2019
 

Sono passati quasi quattro anni da “Before You Forgot How To Dream”, l’ottimo debutto di Soak, ma alla fine di aprile, via Rough Trade Records, la giovane musicista nativa di Derry è ritornata con questo suo atteso sophomore.

In effetti questo è un lasso di tempo piuttosto lungo, soprattutto per una ragazza di diciotto anni, ma le ha dato la possibilità, oltre che di terminare gli studi, di cercare di esplorare nuovi territori sonori, in cui – come lei stessa ha dichiarato – è riuscita a disegnare i suoi stati mentali attuali.

“Everybody Loves You” ci porta su un mondo pop malinconico e riflessivo dipinto con synth e archi, “Maybe”, disegnato con una leggera e semplice chitarra, ci regala un tuffo all’interno di un lussurioso coro pieno di fiati, che ci riporta con la mente negli anni ’80, mentre il primo singolo “Knock Me Off My Feet” sembra essere uno dei momenti più gioiosi del disco, con un ritornello che rimane immediatamente in testa, seppur non nasconda qualche momento più buio.

“Crying Your Eyes Out” è una bellissima ballata con il piano che racconta della fine di una storia d’amore attraverso la voce passionale di Bridie Monds-Watson; basata sul piano e sui synth, la bellissima “Life Trainee” vede la musicista nordirlandese dichiarare “I’m a work in progress.”

A 22 anni si puo’ chiaramente – e forse si potrebbe dire anche si deve – essere un “work in progress”: il suo disco ne è la dimostrazione, prendendo, infatti, parecchie strade musicali, ma senza per questo risultare fastidioso o fuori luogo.

Un piacevole lavoro pop, riflessivo e a tratti malinconico, che ci racconta lo stato d’animo della Monds-Watson e ci regala una cinquantina di minuti assolutamente gradevoli.

Tracklist
1. All Aboard
2. Get Set Go Kid
3. Everybody Loves You
4. Knock Me Off My Feet
5. Maybe
6. Fall Asleep, Backseat
7. Crying Your Eyes Out
8. I Was Blue, Technicolour Too
9. Deja Vu
10. Scrapyard
11. Valentine Schmalentine
12. YBFTBYT
13. Life Trainee
14. Missed Calls
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...