BARONESS
Gold & Grey

[Abraxan Hymns – 2019]
7.5
 
Genere: Hard rock, metal
Tags:
 
19 Giugno 2019
 

Ci sono dischi che segnano la fine di un ciclo. “Gold & Grey” è l’album con cui i Baroness scelgono di chiudere la serie di titoli dedicata ai colori, che avevano cominciato con “Red” nel 2007. Confermata la sezione ritmica formata da Nick Jost al basso e Sebastian Thomson alla batteria che aveva esordito nel precedente “Purple”, cambio della guardia alla chitarra: Peter Adams ha lasciato amichevolmente il quartetto sostituito da Gina Gleason che in passato ha collaborato con Cirque Du Soleil, Jon Anderson, Carlos Santana, Smashing Pumpkins.

L’introduzione di una voce femminile non poteva che aprire nuovi scenari per i Baroness che a detta dello stesso John Baizley hanno usato una copiosa e colpevole quantità di armonie vocali, senza dimenticare le influenze metal e prog. “Front Toward Enemy” colpisce con grinta e sostanza degna dei Mastodon, tracciando insieme alla più melodica “I’m Already Gone” e al basso pulsante con chitarre velocissime di “Seasons” un percorso ben definito nei suoni e nelle intenzioni, che continuerà per tutto il disco.

“Gold & Grey” è il secondo album registrato insieme al produttore Dave Fridmann e il suo apporto si sente più che in passato, soprattutto nel tono morbidamente psichedelico in alcuni momenti di “Tourniquet” o nell’uso degli archi di “Anchor’s Lament”. “Throw Me An Anchor”e “Broken Halo” invece hanno il piglio degli inni da cantare a squarciagola, col pugno alzato e molto headbanging. “I’d Do Anything” è il lato più soft dei Baroness, una ballad metal di grande vulnerabilità e vigore che lascia molto all’immaginazione.

“Emmett: Radiating Light” e “Cold: Blooded Angels”, rispettivamente duetto elettroacustico tra Baizley e la Gleason e power ballad, dimostrano insieme alla conclusiva “Pale Sun” dove il quartetto dovrebbe e potrebbe arrivare in futuro. Drammatica e di grande effetto ma a conti fatti poco convincente la scelta di inserire alcuni brani strumentali che finiscono per diminuire l’impatto di alcune delle diciassette tracce e la compattezza dell’intero lavoro.

Baizley e soci si sono presi un gran bel rischio questo va detto: inondare il disattento mercato musicale odierno con un album così complesso e denso di emozioni è lodevole. Agrodolce però il sapore di “Gold & Grey” come sempre succede quando qualcosa finisce. Bilancio positivo di dodici anni faticosi e vissuti al massimo, che sono costati molto ai Baroness e vengono salutati senza nessun rimpianto.

Credit Foto: Ross Halfin

Tracklist
1. Front Toward Enemy
2. I’m Already Gone
3. Seasons
4. Sevens
5. Tourniquet
6. Anchor’s Lament
7. Throw Me An Anchor
8. I’d Do Anything
9. Blankets of Ash
10. Emmett: Radiating Light
11. Cold: Blooded Angels
12. Crooked Mile
13. Broken Halo
14. Can Oscura
15. Borderlines
16. Assault on East Falls
17. Pale Sun
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...