LISA HANNIGAN AND STARGAZE
Live In Dublin

[ Pias - 2019 ]
8.5
 
Genere: cantautorato, orchestrale
 
21 Giugno 2019
 

Torna a distanza di tre anni dal convincente “At Swim” la cantautrice irlandese Lisa Hannigan: lo fa con un album molto particolare, registrazione di un concerto tenuto a Dublino, dove per l’occasione fu accompagnata magistralmente dall’orchestra Stargaze.

Diretta dal maestro tedesco Andre de Ridder e prodotta da Aaron Dessner dei The National, la Hannigan mostra una maturità interpretativa pienamente acquisita, e uno spessore tale da renderla una delle più interessanti voci di questo millennio. Oltre il folk, seppur eseguito da lei sin qui magnificamente, c’è di più e ce lo dimostra ampiamente in questo progetto sui generis.

Per chi scrive ed era già stato letteralmente incantato dai suoi contributi nei dischi di Damien Rice, non c’è niente in fondo di sorprendente, ma è indubbio che queste 14 canzoni godano eccome di arrangiamenti eleganti e raffinati che vanno a conferire ulteriore valore al tutto, senza accentuarne il lato epico ed enfatico, come spesso accade in operazioni di questo genere.

La voce di Lisa è più che mai seducente, ammaliante e in genere rassicurante ma c’è spazio anche per massicce dosi di intensità emotiva, in brani che avevamo già ampiamente apprezzato nei suoi lavori precedenti (8 tracce su 14 derivano dal già citato recente “At Swim”): pensiamo ad esempio alla malinconica dolcezza di “Lille” o alla solennità di “Undertow”, rese magnificamente in collaborazione con l’orchestra Stargazer.

Il tasso emotivo e qualitativo si mantiene elevato anche tra le grevi pieghe dell’oscura “Barton”, nell’accorata “We the Drowned”, nella splendida “Little Bird”, uno dei vertici creativi della sua produzione, e nella poetica e lunare “Swan” (inedita al pari dell’incalzante “Bookmark”), quest’ultima nata dal connubio con Dessner ed Enda Walsh.

E’ un album questo da gustarsi lentamente dall’inizio alla fine, magari al chiaro di luna. Non c’è nemmeno bisogno di esservi predisposti: saranno le canzoni stesse, la straordinaria voce della magnetica Lisa a farvi soffermare attentamente all’ascolto.

Con “Live In Dublin” si chiude in maniera perfetta per Lisa Hannigan un ciclo su una prima fase della propria carriera, che già l’ha vista imporsi a livello internazionale, ma che lascia altresì aperti nuovi e interessanti scenari da qui in avanti: con i mezzi artistici di cui dispone c’è da scommettere che sarà in grado di stupirci ancora in futuro.

Credit Foto: Rich Gilligan

Tracklist
1. Ora
2. Prayer for the Dying
3. Little Bird
4. Undertow
5. Bookmark
6. Anahorish
7. Nowhere to Go
8. Lo
9. Swan
10. We The Drowned
11. Lille
12. A Sail
13. Barton
14. Fall
 
 

Kevin Morby – Sundowner

Sempre piuttosto puntuale Kevin Morby realizza anche in questo triste 2020 un nuovo LP, il suo sesto solista, che arriva a distanza di ...

Anna von Hausswolff – All ...

Da tempo ormai la fatina svedese Anna von Hausswolff si è incamminata in un sentiero musicale ricco di incrinature, lontana da afflati pop ...

Jónsi – Shiver

C’era una discreta attesa per il nuovo lavoro da solista – a distanza di dieci anni dal suo esordio – di Jón Þor ...

Emmy The Great – April / ...

Era il febbraio 2016 quando Emmy The Great aveva pubblicato il suo terzo LP, “Second Love”: è passato ormai parecchio tempo, la Moss si ...

Working Men’s Club – ...

Abbiamo puntato le luci dei nostri riflettori sulla band di Sydney Minsky-Sargeant sin dai singoli d’esordio, quando la prima ...

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.indieforbunnies.com/home/wp-content/plugins/disqus-recent-comments-widget/disqus_recent_comments_widget.php on line 368

Recent Comments