METRONOMY
Live @ Circolo Magnolia (Segrate, 21/06/2019)

 
Tags:
di
22 Giugno 2019
 

di Fabio Campetti

Siamo solo a fine giugno, ma c’è già chi ha accennato alle classifiche, ma non di fine anno, ma di fine decennio, perché in effetti è quasi il momento di capire quali siano stati gli artisti più importanti sul lungo periodo e, tirando le somme, io i Metronomy di Joseph Mount ce li metto eccome. Sebbene abbiano radici discografiche nel 2006 con “Pig Paine ” o con il secondo “Night out” un paio di anni dopo, il loro meglio lo hanno dato con album come il capolavoro “The English Riviera” o l’altrettanto efficace “Love Letters”, album che hanno confermato le premesse dei primi episodi, portando loro visibilità e consacrazione. Agli albori il progetto è nato come attività solista dello stesso Mount, poi è diventato un collettivo capace di coniugare perfettamente una scrittura raffinata, ma assolutamente popolare con un suono sintetico da dance floor, quindi songwriting al 100%, bianco e nero ma anche colorato, allo stesso tempo, malinconico e solare: canzoni nate al computer con un gusto sopraffino nella ricerca dei suoni.

Quest’estate sono attivi sul fronte live per presentare gran parte del materiale che finirà nell’annunciato nuovo album “Metronomy Forever” in uscita il 14 settembre via Universal e oltre ai singoli “Lately” e “Salted Caramel Ice Cream”, già pubblicati come vero e proprio antipasto, ci sono le varie “Withsand bay”, “Wedding bells”, “Walking in the dark” o “Insecurity”, inediti già in setlist da qualche data, una succosa anticipazione del nuovo lavoro a tre anni di distanza da “Summer 08”, il tutto, ovviamente, mischiato ai brani che li hanno resi celebri da “The bay”, a “Reservoir”, passando per “Everything goes my way”, o “The Look” o la stessa “Love lotters”, uno più bello dell’altro, una concentrazione di bravura, fantasia ed eleganza.

Tutto ciò non poteva che far diventare il concerto della band di Davon una vera e propria festa. Forse non sarò obbiettivo, in quanto superfan, ma io li trovo irresistibili, con un milione di influenze, senza la pretesa di cambiare la storia di nessun genere musicale, ma allo stesso con una personalità da fuoriclasse. Stasera primo giorno d’estate in un circolo Magnolia al top, c’è il pubblico delle grandi occasioni ed è giusto così perché quando c’è la qualità non ci si deve rinunciare, quindi classifiche degli anni dieci fatevi sotto!

P.S.: Hanno chiuso un’ora e mezza di set con un vecchio brano “You Could Easily Have Me”, ma la cosa che li rende degli idoli assoluti e dei veri punk è non aver fatto bis.

 

Dente – Live @ SEI Festival ...

Dente è l’amico stronzo che tutti dovrebbero avere, quello che, con due parole, ti ruba un sorriso e dietro l’evidente ironia ...

Vinicio Capossela – Live @ ...

Tra le varie versioni inerenti le origini di Pan ve ne è una che lo vuole figlio di Penelope e di quegli uomini ostili e prepotenti che ...

Hinds – Live @ Parc Del Forum ...

E’ davvero strano viaggiare in questo periodo di pandemia mondiale: i mezzi di trasporto sono piuttosto vuoti, le camere degli ostelli ...

Cristina Donà – ...

Il colore dell’anima è quello del tramonto, perennemente sospeso tra la luce ed il buio, il cui ultimo caloroso e rosseggiante respiro si ...

Working Men’s Club – ...

Chi scrive ha già avuto la fortuna di vedere un concerto dal vivo pochi giorni fa – quello dei Bud Spencer Blues Explosion all’Arena ...