BEDOUINE
Bird Songs of a Killjoy

[ Spacebomb - 2019 ]
7.5
 
Genere: folk
Tags:
 
28 Giugno 2019
 

Quanta dolcezza e quanta sensibilità in queste nuove canzoni di Bedouine. La fanciulla (vero nome Azniv Korkejian) si era distinta per un folk-retrò, magnificamente dispiegato con pochi, ma accortissimi, mezzi, nel suo esordio e ora la ritroviamo qui, a distanza di un paio d’anni, pronta a riconquistarci con la sua fragilità e la sua immediata cordialità. Questo mi evoca la musica di Bedouine, un sorriso che si disvela timidamente sulle labbra, ma che conquista all’istante, in virtù di un approccio genuino e senza fronzoli. Intendiamoci, questa volta la nostra fanciulla lavora maggiormente sugli arrangiamenti (sopratutto gli archi), curati splendidamente da Trey Pollard (un brano come “Dizzy”, ad esempio, è davvero coinvolgente sia nella ritmica incalzante sia in questi suoni di contorno, che creano atmosfere oniriche che si sovrappongono ma che nello stesso tempo danno un forte senso di vivacità), ma è l’approccio quello di cui parlo, è quella misura e quel garbo (che magnifica parola) che ci toccano, forse perché sono caratteristiche che la mancanza di tempo, la fretta, la quotidianità frenetica ci stanno facendo perdere.

Punti alti? Beh, quelle carezze primaverili di “Sunshine Sometimes”, gli archi cinematografici di “Hummingbird” che duettano magnificamente con gli arpeggi di chitarra e la voce così dolce di Bedouine, il gusto quasi sudamericano di “Matters Of The Heart” e quella chiusura da sogno che è “Tall Man”

All’epoca del primo album si erano evocati i nomi di Joni Mitchell o Nick Drake. Bene, possiamo tranquillamente riprendere questi nomi già citati, tanto per delineare delle coordinate, ma forse la vera bravura della fanciulla è di creare delle canzoni senza tempo, quasi come i migliori Hem (altra band che sfrutta benissimo gli arrangiamenti), loro più contaminati dall’alt-country se vogliamo, eppure, come Bedouine, capaci di smarcarsi dall’attualità musicale e vivere in una realtà in cui gli orologi hanno davvero smesso di funzionare.

Credit foto: Moises Galvan

Tracklist
1. Under the Night
2. Sunshine Sometimes
3. When You're Gone
4. One More Time
5. Dizzy
6. Bird
7. Bird Gone Wild
8. Hummingbird
9. Matters of the Heart
10. Echo Park
11. Reprise
12. Tall Man
 
 

Paradise Lost – Obsidian

Innanzitutto, facciamo un plauso ai Paradise Lost: con l’opportunità di posticipare l’uscita di “Obsidian” a tempi più felici, ...

Populous – W.

Sembra un quadro cubista la coloratissima copertina creata da Nicola Napoli per “W” (abbreviazione di Woman) nuovo e sesto album di ...

Woods – Strange To Explain

Undici album in quindici anni è una media invidiabile per qualunque band e specialmente per i Woods di Jeremy Earl e Jarvis Taveniere che ...

DASP – L’indipendente ...

I DASP sono una band (in realtà il progetto fa riferimento a Domenico Palopoli) che non teme l’indie italiano, pur facendone parte ...

Perturbazione – (Dis)amore

Mancavano da tempo i Perturbazione, mancavano oltremodo quei Perturbazione che a lungo seppero esprimere il meglio del pop italiano, quello ...