FRUIT BATS
Gold Past Life

[ Merge Records - 2019]
7.5
 
Genere: Indie Folk
 
8 Luglio 2019
 

Tre anni dopo “Absolute Loser”,  ritornano i Fruit Bats di Eric Donald Johnson con un opera che sa tanto di concept album e che sembra muoversi sul filo della nostalgia, ad affiancarlo una nutrita  schiera di collaboratori tra i quali spiccano   Neal Casal (Circles Around the Sun),Greta Morgan (Springtime CarnivoreVampire Weekend), Trevor Beld Jimenez e Tim Ramsey (Parting Lines) e Meg Duffy (Hand Habits).

Il titolo “Gold Past Life”, già preannuncia l’atmosfera agro dolce e lievemente malinconica che accompagna il guardarsi indietro, il cercare nel passato i propri punti di riferimento.

Questo atteggiamento, tipico nelle situazioni di preoccupazione instillate anche dalle incertezze geopolitiche, seppure aleggiante non fa cadere Johnson, in questo suo lavoro, nella banalità delle esternazioni anti Trump che toglierebbero valore alla sua poetica, ma in modo elegante e sottile si limita a guardare il passato quasi come un rifugio.

Allo stesso tempo la sua musica guarda agli anni 70, ma una base country viene spesso farcita con una brillante e succosa chitarra elettrica, o da sintetizzatori vintage,  accompagnata da melodie  pop  rassicuranti,  riuscendo a trasmettere all’ascoltatore  questa sensazione di un passato perso ma non per questo bisognoso di  rimpianto, insinuando però lentamente anche la sensazione di essere in fondo ingannati come se  Johnson ci volesse condurre al centro di una ragnatela per  intrappolarci.

Il brano di apertura “The Bottom Of It”, è una grande partenza con una chitarra avvolgente e ci prepara alla title track “Gold Past Life” pezzo che ricorda molto i Bee Gees, abbastanza ruffiano ma perfetto per arrangiamento e falsetti .

Canzoni da ricordare ce ne sono diverse da “Drawn Away” che celebra il ricordo dell’assenza accompagnata da una chitarra elettrica anch’essa nostalgica , a “Your Dead Grandfather” dove invece protagonista è il ricordo della perdita che si accende ogni volta che la neve scende a colorare il paesaggio, ma anche la dolce “Barely Living Room” che ci conferma, anche in questo episodio meno spinto sul ritmo, come la contrapposizione tra la vivacità del sound e l’atmosfera malinconica dei testi si sposino alla perfezione.

La mia preferita resta comunque “A Lingering Love” piccolo gioiellino in cui il country si fonde fino a nascondersi in una melodia accattivante e mentre Johnson canta “..Still I got a lingering love for this place Let’s turn the plane around I don’t wanna give up ‘Cause I got a lingering love for this place I gotta lingering love for this place…” è il paesaggio a essere il sentimento protagonista, insieme a “The Bottom Of It” ha preso subito posto nella mia personale playlist.

Questo album dei Fruit Bats non deve passare inosservato, non solo perché è uno dei migliori realizzati dalla band, ma soprattutto perché ad ogni nuovo ascolto appare più bello, una prova dove forse  non si cerca di impressionare al primo ascolto  ma di creare un contatto con l’ascoltatore sul filo del ricordo e di un sound rassicurante ma decisamente valido.

 

 

Tracklist
1. The Bottom Of It
2. Gold Past Life
3. Drawn Away
4. Cazadera
5. Ocean
6. Your Dead Grandfather
7. A Lingering Love
8. Barely Living Room
9. Mandy From Mohawk (Wherever You May Be)
10. Dream Would Breathe
11. Two Babies In Michigan
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments