ALBUM: BURNING HOUSE
Anthropocene

 
12 Luglio 2019
 

Lo dico sempre e non mi stanco di ripeterlo. La nostra rubrica Brand New ci da la possibilità di affezionarci a delle band, vedendole crescere, vedendo i loro progressi e magari naturali evoluzioni del suono. Con i Burning House di Southampton, guidati con mano abrasiva e sonica da Aaron Mills è andata proprio così. Li ricordiamo con piacere nelle loro prime uscite, in cui l’influenza dei My Bloody Valentine era altissima. Già allora ci avevano colpito. Poi con il passare dei brani e dei singoli sempre di più gli anni ’90 di Billy Corgan o J Mascis si sono fatti strada nel loro sound, creando un prodotto che si destreggia alla grande tra percorsi shoegaze, power-pop e rock-noise.

“Anthropocene” non è un disco facile. E’ un lavoro che merita attenzione, tempo e anche concentrazione. Ci tengo a precisarlo perché qui siamo di fronte a canzoni lunghe, rumorose eppure spesso davvero molto melodiche, capaci di cambiare l’umore, infondere rabbia, eccitazione e una forte tensione empatica. Dedicare un ascolto distratto a questo disco sarebbe un vero peccato.

Per chi rimpiange i Pumpkins sonici e incazzati ma nello stesso tempo capaci anche di infondere una vena psichedelica al loro suono, beh, “Anthropocene” è un disco che vi farà andare in estasi. Se poi ci aggiungiamo quella forte componente shoegaze che non è mai mancata in questo terzetto, beh, allora non stupitevi se vi troverete in un mondo perfetto, capace di unire le due sponde musicali (America e Uk) che si affacciano sull’Oceano. Tra i contemporanei direi che anche i Nothing sono felicemente accostabili ai Burning House.

Kevin Shields che da la sua benedizione in “Mirror Song”, quel macigno monolitico di “Forever”, i percorsi notturni e popedelici di “13 Moons”, l’immediatezza di “Peach”, la brezza che diventa temporale in “Languor”, i Dinosaur Jr  che si affacciano in “Her Vowel No”. Quante facce di una medaglia. Non smetteremo di ripeterlo. Se amate le chitarre soniche “Anthropocene” farà al caso vostro, ma aspettatevi davvero un disco dal minutaggio e dal peso specifico importante. Un prodotto importante che, ascolto dopo ascolto, entra sempre più sotto pelle.

 

La novità da Umberto Maria ...

Umberto Maria Giardini non sta con le mani in mano. Cominciamo a parlare del suo progetto Stella Maris. Il nuovo album sta prendendo forma e ...

TRACK: The Illicits – Left ...

Anno importante quello degli Illicts, quartetto di Blackburn. La firma con la Creation 23 di Alan McGee, che comunque il suo pregio e ...

VIDEO: The Bongo Club – No ...

Pop-rock a presa diretta e luccicante quello degli svedesi The Bongo Club. Già attivi da diversi anni, e con diverse frecce nelle faretra ...

Bryan Adams: La TOP 10 Brani

di Stefano Bartolotta La difficoltà nel fare una top 10 di Bryan Adams è duplice. Da un lato, c’è l’eterna lotta tra il Bryan ...

Oggi “This Is War” dei ...

Ci fu una svolta importante, 10 anni fa, per i Thirty Seconds To Mars di Jared Leto, che andarono a realizzare quello che, a conti fatti, è ...