FLEETING JOYS
Speeding Away to Someday

[ only forever recordings - 2019 ]
8
 
Genere: shoegaze-indie-rock
 
17 luglio 2019
 

E se cercavate l’album shoegaze del 2019, beh, sappiate che lo avete trovato. I Fleeting Joys tornano a deliziarci con un sound che è diretta emanazione dei riverberi e dei sogni musicali che hanno sempre animato un dio come Kevin Shields nei primi due album dei MBV.

Certo che viene da pensare che questa musica deve avere una particolare influenza sugli autori. Kevin promette ritorni immimenti che in realtà non arrivano mai e, tutto sommato, anche i FJ ci hanno davvero fatto penare, se pensiamo che il disco precedente risale al 2009. In questi anni ci sono stai dei singoli, dei segnali che la band fosse ancora in attività, ma avere fra le mani un disco intero e, per giunta, così ispirato, beh, ammetto che non ci speravo più.

La band della California mette in campo le armi migliori, affinate e taglientissime. Suoni riverberati e potenti, distorsioni che incontrano le melodie, quelle chitarre che sembrano prendere pieghe surreali e poi mescolano zucchero e sale, in un paradiso agrodolce di rara bellezza. Un brano come “Don’t You Know the World Could End”, per esempio, è pazzesco. Non riesco a trovare altre parole. Mentre tutto deraglia, con la batteria che picchia solida, la base pop è potentissima e ci porta in paradiso: altissima scuola shoegaze. Quell’assaggio che già conoscevamo, ovvero “Lake Placid Blue” fa da magnifico brano di apertura, mostrando perfettamente le meraviglie che andremo a trovare nel corso del disco. Inizio perfetto che, per noi devoti, è come una chiamata alle armi irresistibile. Figurarsi l’attacco di “You Want To”, chitarre soniche, batteria che entra e poi la voce che da la melodia. No dai, è tutto così perfetto che si rimane senza fiato.

Nessuna forzatura, tutto che scorre così empatico e coinvolgente. Dall’intensità di “Sunburst Animals”, che alterna momenti tempestosi ad attimi di relativa quiete, al sogno acustico e toccante di “Come To” in cui ci sembra di sognare ad occhi aperti, passando per quella magia (uscita come singolo addirittura 5 anni fa!!!!) che si chiama “Kiss A Girl In Black”, forse la miglior canzone mai scritta dalla band. L’ipnosi lisergica di “Returning and Returning and Returning” chiude in maniera superba e sublime il disco, insegnandoci letteralmente cosa siano lo shoegaze e il dream-pop. Una vera e propria lezione musicale, un brano che racchiude in sè un genere, non scherzo, come a ribadire che non c’è solo Kevin Shields che merita l’appellativo di “maestro assoluto”.

Ritorno magnifico. Perfezione assoluta.

Tracklist
1. Lake Placid Blue
2. You Want To
3. Evil Crop
4. Sunburst Animals
5. Don't You Know the World Could End
6. Come To
7. Love Your Eyes
8. Kiss a Girl In Black
9. Returning and Returning and Returning
 
 

B Boys – Dudu

La scena musicale DIY di New York non conosce il significato delle parole penuria o scarsità, non dobbiamo di certo annunciarlo noi: ...

Bon Iver – i,i

Il progetto Bon Iver era nato come l’espressione non di un leader all’interno di un progetto condiviso, ma come progetto cantautorale. ...

King Gizzard and the Lizard Wizard ...

Prima o poi doveva succedere, era scritto nella carne putrida e nelle carcasse di un ratto in decomposizione che sarebbero passati a far ...

The Hold Steady – Thrashing ...

Sono passati oltre cinque anni dall’album più recente degli Hold Steady, “Teeth Dreams”, uscito a marzo 2014: effettivamente è un ...

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...