DISTORSONIC
Twisted Playgrounds

[ Dischi Distorti Records - 2019 ]
7
 
Genere: psych rock, stoner
 
19 Luglio 2019
 

“Twisted Playgrounds” è il titolo del terzo album dei Distorsonic, un interessante progetto psych rock/stoner nato a Roma intorno alla metà degli anni ’90 e rimasto silenzioso – a livello discografico, s’intende – per quasi un decennio.

Alla guida vi è il bassista Maurizio Iorio, già noto per le sue collaborazioni con Moltheni (il vecchio pseudonimo di Umberto Maria Giardini), Alex Britti e lo scrittore giapponese Kenji Siratori, autore di una serie di opere multimediali a tema cyberpunk.

Al suo fianco c’è il batterista Stefano Falcone, che sostituisce un altro ex componente del gruppo di Moltheni, Gianluca Schiavon, seduto dietro le pelli in occasione del penultimo “Dose Minima Letale” (2011). Sono solo in due, ma non si sente: i Distorsonic riescono a coprire i vuoti di una musica perlopiù strumentale (a esclusione di una parte recitata da Iorio in “Subterranea”) tramite l’impiego di una enorme quantità di effetti definiti “aggressivi e ipnotici”.

Il basso elettrico si trasforma così in una piccola orchestra psichedelica in grado di riprodurre suoni spettrali e ultraterreni, con i tamburi e i piatti di Falcone ad accompagnare le quattro corde di Iorio in un trip ricco di riverberi, distorsioni e fuzz.

Un viaggio davvero molto impegnativo ma, in fin dei conti, appagante per l’ascoltatore: nelle nove tracce di “Twisted Playgrounds” si avvertono con forza echi delle fascinazioni spaziali dei Pink Floyd del periodo “A Saucerful Of Secrets” e del misticismo mediorientale degli Om, oltre a dei bagliori “dronici” che fanno da ponte ideale tra l’opera dei Distorsonic e una ambient dal gusto decisamente cinematografico. Una bella colonna sonora, anche senza film.

Foto: Vincenzo Labellarte

Tracklist
1. Space Underdogs From Hell
2. Subterranea
3. Messing Around With a Baritone
4. Headhunting the Headhunters
5. Secchezza delle fauci
6. Heavy Satori
7. Fisheye Speedfreak
8. Caronte
9. Tofranihl
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...