HONEYBLOOD
In Plain Sight

[Marathon Artists - 2019]
6
 
Genere: indie-pop,lo-fi,indie-rock
 
22 luglio 2019
 

Dopo la fine del tour a supporto del loro sophomore, “Babes Never Die”, uscito nel 2016, le Honeyblood hanno deciso di prendere una lunga pausa e, se la chitarrista e frontwoman Stina Tweeddale ne ha approfittato per recuperare dai suoi problemi con l’ansia, la batterista Cat Myers ha deciso di unirsi ai Mogwai come touring drummer.

Stina ha così iniziato a scrivere da sola e, quando la sua compagna di band è ritornata dai suoi impegni con la storica band post-rock scozzese, il terzo album aveva già preso una nuova impostazione, con la Tweeddale che lo ha registrato a Los Angeles in appena nove giorni con l’aiuto del produttore John Congleton (St. Vincent, Angel Olsen).

La trasformazione in un progetto solista avrà portato fattori positivi all’interno di Honeyblood o ciò ne decreterà il suo declino o comunque una discesa?

Anche se già prima era prevalentemente il carattere dominante della band, ora Stina ha totale libertà creativa e in questo nuovo album prova a calpestare territori sonori mai utilizzati in precedenza.

Ispirata dai suoi incubi notturni, “She’s A Nightmare” apre i giochi con un aspetto piuttosto cupo, ma sa esplodere con un potente e rumoroso coro, sicuramente degno dei precedenti due lavori della ragazza scozzese, mentre “Gibberish” è un’energica e fragorosa bomba punk, letteralmente gridata in faccia all’ascoltatore.

L’uso dei synth in “Touch” non ci convince per nulla, poiché la rende troppo buia e le fa perdere l’anima; anche in “You’re A Trick” Stina sembra sbagliare la strada con l’utilizzo di un’elettronica che confonde le idee e non la porta da nessuna parte.

Ci salva la conclusiva “Harmless”, un pezzo piano e voce toccante e capace di affascinare per la sua sincerità, la sua semplicità e la sua bellezza.

Non tutte le novità portano segnali positivi, ma ci sono ancora parti apprezzabili in questo nuovo lavoro di Honeyblood: chissà cosa le riserverà il futuro.

Foto Credit: Paul Hudson

Tracklist
1. She’s A Nightmare
2. The Third Degree
3. A Kiss From The Devil
4. Gibberish
5. Tarantella
6. Take The Wheel
7. Touch
8. Glimmer
9. You’re A Trick
10.Twisting The Aces
11. Harmless
 
 

Marika Hackman – Any Human ...

Sono passati poco più di due anni dall’uscita del suo sophomore “I’m Not Your Man” e Marika Hackman è ritornata questo weekend con ...

Olden Yolk – Living Theatre

Il loro omonimo primo LP era arrivato solamente nel febbraio dello scorso anno, ma gli Olden Yolk gli hanno già dato un seguito, realizzato ...

Everything Hits at Once: The Best ...

Un best of è una tela intricata che può farti incazzare, oppure può diventare un universo immaginario e ideale in cui incontrarsi con i ...

Slaughter Beach, Dog – Safe ...

Slaughter Beach, Dog è il progetto di Jake Ewald dei Modern Baseball, ma per questo suo terzo LP, uscito nel weekend via Big Scary Monsters ...

Of Monsters and Men – Fever ...

Si può passare da un fragoroso entusiasmo – al punto da indicare questo disco tra le migliori uscite dell’anno – al dubbio che forse ...