HONEYBLOOD
In Plain Sight

[Marathon Artists - 2019]
6
 
Genere: indie-pop,lo-fi,indie-rock
 
22 Luglio 2019
 

Dopo la fine del tour a supporto del loro sophomore, “Babes Never Die”, uscito nel 2016, le Honeyblood hanno deciso di prendere una lunga pausa e, se la chitarrista e frontwoman Stina Tweeddale ne ha approfittato per recuperare dai suoi problemi con l’ansia, la batterista Cat Myers ha deciso di unirsi ai Mogwai come touring drummer.

Stina ha così iniziato a scrivere da sola e, quando la sua compagna di band è ritornata dai suoi impegni con la storica band post-rock scozzese, il terzo album aveva già preso una nuova impostazione, con la Tweeddale che lo ha registrato a Los Angeles in appena nove giorni con l’aiuto del produttore John Congleton (St. Vincent, Angel Olsen).

La trasformazione in un progetto solista avrà portato fattori positivi all’interno di Honeyblood o ciò ne decreterà il suo declino o comunque una discesa?

Anche se già prima era prevalentemente il carattere dominante della band, ora Stina ha totale libertà creativa e in questo nuovo album prova a calpestare territori sonori mai utilizzati in precedenza.

Ispirata dai suoi incubi notturni, “She’s A Nightmare” apre i giochi con un aspetto piuttosto cupo, ma sa esplodere con un potente e rumoroso coro, sicuramente degno dei precedenti due lavori della ragazza scozzese, mentre “Gibberish” è un’energica e fragorosa bomba punk, letteralmente gridata in faccia all’ascoltatore.

L’uso dei synth in “Touch” non ci convince per nulla, poiché la rende troppo buia e le fa perdere l’anima; anche in “You’re A Trick” Stina sembra sbagliare la strada con l’utilizzo di un’elettronica che confonde le idee e non la porta da nessuna parte.

Ci salva la conclusiva “Harmless”, un pezzo piano e voce toccante e capace di affascinare per la sua sincerità, la sua semplicità e la sua bellezza.

Non tutte le novità portano segnali positivi, ma ci sono ancora parti apprezzabili in questo nuovo lavoro di Honeyblood: chissà cosa le riserverà il futuro.

Foto Credit: Paul Hudson

Tracklist
1. She’s A Nightmare
2. The Third Degree
3. A Kiss From The Devil
4. Gibberish
5. Tarantella
6. Take The Wheel
7. Touch
8. Glimmer
9. You’re A Trick
10.Twisting The Aces
11. Harmless
 
 

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...

Lomelda – Hannah

E’ passato appena un anno e mezzo dall’uscita di “M For Empathy”, il terzo album di Lomelda, ma nei giorni scorsi la folk-singer ...

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...