N.A.N.O.
Bionda e disperata

[ Fiabamusic/Dischi Soviet Studio - 2019 ]
8
 
Genere: Pop italiano
Tags:
 
22 Luglio 2019
 

Emanuele Lapiana torna con il progetto solista N.A.N.O., ad otto anni di distanza dall’ultimo album. Lo fa attraverso una campagna su musicraiser, ben riuscita: chi si è imbattuto nel progetto ha capito che in ballo c’era qualcosa di interessante, e non si sbagliava.

Si usa spesso collegare passato e presente musicali, facendo riferimento ad artisti, stili e modi di essere; Anche N.A.N.O. non sfugge al confronto, soprattutto con “Moravia” che rimanda a Battiato

La fortuna di “Bionda e disperata” è che riesce a piazzarsi nel presente come un bastone tra le ruote: in “Moravia” il nostro canta canta «Leggo moravia per ricordarmi dove andare a parare quando mi scappa di filosofeggiare, quando mi scappa la cacca. Detengo un patrimonio di cultura personale che non so minimamente come utilizzare». Tutti sanno fare tutto, tutti mettono citazioni ricercate  ovunque, ma che concretamente non servono a niente. In “Bedford” la paura dell’altezza di una generazione che cresce si fa concreta e personale: «Nella notte più profonda mi viene da pensare a Fabio e ho paura di non essere all’altezza dei nostri vent’anni, delle aspettative, i sogni e le promesse che ci siamo fatti forte quella notte». In “Cop”, invece, gli sconcerti di un mondo che inverte i ruoli troppo spesso: «Quanti di noi hanno creduto di essere sempre stati liberi. Quanti di noi hanno perduto treni su treni. Bambini a cuccia col guinzaglio corto, cani vestiti come uomini. La mia generazione non sa prendersi un posto lascia ai peggiori il suo lavoro sporco».

Non è tutto negativo, ma un cantautore deve pur sempre raccontare ciò che lo circonda e con Emanuele emerge  quel cinismo che ti pone davanti al fatto compiuto, e non resta che prenderne atto, magari ballandoci su.

In “Bionda e disperata” c’è molta elettronica, molti synth: una sonorità molto anni Ottanta, ma allo stesso tempo attuale. All’inizio delle canzoni si trovano sonorizzazioni che vanno da donne spagnole alla stazione del treno, passando per i canti in una chiesa fino al suono del lungomare. Ciò denota una ricercatezza e una combo di messaggi che vanno ad arricchire il già ottimo tessuto musicale e testuale dell’album. 

Non basta un ascolto, e nemmeno due, per apprezzarlo fino in fondo. “Ma” ne è l’esempio lampante: quasi trap nella voce, balcanica in qualche tema “fisarmonico” ed elettronica nell’animo.

Il risultato non può che essere positivo, con un progetto cantautorale che va oltre le mode, sperimentando e raccontando ciò che ci circonda, con una voce eterea e un’atmosfera che lascia il segno.

Tracklist
1. Spartiacque
2. Bedford
3. Cop
4. Moravia
5. Michele
6. Cambiostagione (feat. The Bastard Sons of Dioniso)
7. QND
8. Ma
9. Giga
10. Catema
11. Speciale
12. Credits
13. Quandolam
 
 

Einsturzende Neubauten – ...

In questi giorni pieni di noia e mestizia, mi capita spesso di imbattermi nelle parole di individui più o meno esperti che provano a ...

Spanish Love Songs – Brave ...

A due anni dal loro sophomore, “Schmaltz”, gli Spanish Love Songs sono ritornati lo scorso febbraio con questo nuovo LP, il loro primo ...

Jeff Rosenstock – NO DREAM

Il 1° gennaio 2018 Jeff Rosenstock aveva pubblicato a sorpresa il suo terzo LP, “Post-“, mercoledì scorso, sempre senza alcun ...

Charli XCX – how i’m ...

Il 6 Aprile, in una Zoom collettiva organizzata con fan dal tutto il mondo, Charli XCX dava il via ufficialmente al progetto che l’avrebbe ...

Everything Is Recorded – ...

“Friday night, London. Do you wanna come in?” Il viaggio che ci propone Richard Russell, CEO della XL Recordings, è un ...