THOM YORKE
Live @ Auditorium Parco della Musica (Roma, 21/07/2019)

 
23 Luglio 2019
 

Thom Yorke, Nigel Godrich e Tarik Barri, ovvero il progetto musicale e visuale che va sotto il nome di “Tomorrow’s Modern Boxes”, è la luce in fondo al buio del tunnel nel quale la società moderna si è, purtroppo, incamminata. Un mondo estremamente liquido in cui ogni cosa pare connessa, ogni respiro è monitorato, ogni esistenza è scandagliata da occhi vigili ed attenti, nel quale, però, siamo, contemporaneamente, tutti estremamente soli, viziati, desiderosi di poter fruire di quei pochi minuti di celebrità che crediamo, erroneamente, possano cambiarci finalmente la vita.

Thom Yorke ha il coraggio di sbatterci in faccia la verità: non siamo poi così eccezionali, non basta connettersi ad internet, avere uno smartphone con una ottima telecamera o qualche soldo, per produrre qualcosa di interessante e duraturo, qualcosa che riesca a entrare in sintonia con il lato più oscuro e fragile delle persone. Il concerto si apre, infatti, con un’oscurità profonda ed asfissiante, ma ben presto veniamo tutti risucchiati da una luce abbagliante che disperde le nostre forme, annulla le distanze, trasforma la materia in pura energia.

L’artista inglese propone un set di brani misto: a fianco alle canzoni del recente “ANIMA” ci sono pezzi provenienti sia dal precedente lavoro “Tomorrow’s Modern Boxes”, sia dalla colonna sonora del film “Suspiria” di Guadagnino, sia dal primo lavoro solista “The Eraser”. La musica proposta rispecchia a pieno la nostra società, è un fiume che scorre veloce, in cui non esistono punti di inizio e di fine, è tutto in divenire, è tutto in perenne trasformazione, non esistono né certezze, né riferimenti sicuri ed il Tempo e lo Spazio si confondono e ci confondono, creando un’odissea di suoni ed immagini nella quale Thom ci invita a ritrovare noi stessi, perché, in fondo, solo, ritrovandoci, potremmo riprendere il controllo delle nostre scelte e delle nostre azioni, concetto su cui si basa il recente “ANIMA”.
I passaggi orwelliani dell’ultimo album si fondono alla perfezione con l’ambientazione cosmica dello spettacolo. Ma nonostante i macchinari complessi, i software di controllo, la tecnologia all’avanguardia, Thom pare quasi voglia suggerirci di non fidarci di quello che vediamo e di quello che ci dicono. Il pericolo imminente è quello di smarrire il proprio spirito critico, restare intrappolati nel tunnel buio delle nostre paure e perdere la capacità di discernere tra il vero ed il falso. L’elettronica cupa, le sonorità nevrotiche, i synth compulsivi vengono proiettati direttamente sulle nostre cortecce celebrali.

Che ne sarà di noi? Che ne sarà dei nostri sogni?
Sono queste le domande che continuano a rimbalzarci nella testa, mentre l’ultimo brano del concerto, “Atoms For Peace”, scioglie tutti i nostri dubbi e le nostre paure nell’esplosione finale di luci e colori che pone fine al fantastico spettacolo di Thom e dei suoi Tomorrow’s Modern Boxes.

Foto Credit: Alex Lake

 

King Gizzard And The Lizard Wizard ...

Partiamo col botto. Ritardi classici con Trenitalia, sarei dovuto arrivare alle 11:30 da Trento e invece sono arrivato alle 13:30, ma Milano ...

Tiny Moving Parts – Live @ ...

I Tiny Moving Parts ritornano stasera in Italia per un’unica data a supporto del loro nuovissimo settimo LP, “Breathe”, uscito da ...

Pete Doherty (+ The Puta Madres) ...

di Fabio Campetti La sensazione che Pete Doherty (lui ultimamente si fa chiamare Peter, ma noi continuiamo a usare il classico Pete, ci ...

LIFE – Live @ Freakout Club ...

I Life hanno fatto parecchia gavetta, ma sembra che ora sia arrivato il loro momento: recentemente in tour con gli amati Idles, la band di ...

Pixies – Live @ Paladozza ...

La storia dei Pixies è decisamente lunga e parte oltre 30 anni fa in quel di Boston: non spetta certo a noi dire quanto importanti siano le ...