VIOLENT FEMMES
Hotel Last Resort

[ Pias - 2019 ]
7
 
Genere: Folk Punk, Country Punk, Lo-Fi
 
di
5 Agosto 2019
 

Ci sono artisti a cui leghiamo dei ricordi, come fossero essi stessi delle Madeleine de Proust: solo il nome, ci evoca momenti del passato, e sensazioni vissute anche molto tempo addietro.

Questo è accaduto con i Violent Femmes, perché ad ascoltare il loro ultimo “Last Hotel Resort”, sapevo esattamente cosa volevo, ma non potevo sapere a cosa andassi incontro: sapevo con sicurezza che non avrei probabilmente gradito particolari avventure sonore e stilistiche, particolari sperimentazioni, avanguardismo, o altre boiate simili in cui band e musicanti vari si addentrano spesso addirittura inficiando il buono che avevano fatto nei loro passaggi precedenti.

Li avrei voluti, e mi sarebbe bastato, sentirli invecchiare bene, con dignità, con naturalezza ma anche con entusiasmo e voglia di fare. Senza snaturarsi, e senza rinnegarsi.

Ma tempo di premere play, ed ecco la Madeleine: poche note, e sono riapparse le sensazioni dei primi ascolti del loro album d’esordio o di “Hallowed Ground”. Che hanno sul groppone qualcosa come 35 anni, mica seghe.

Ché poi, sono tempi dove anche le operazioni nostalgia vanno di moda, eccome: ma quando senti quest’istintività, questa semplice spontaneità, senza forzature, senza ricercatezze particolari, allora davvero eventuali dubbi sui perché li puoi mettere tranquillamente da parte, e concentrarti sul contenuto. Sull’approccio, sulle canzoni, sull’organicità del lavoro tutto.

E nemmeno avevo in mente di trovare una nuova “Blister in The Sun” o una “Gone Daddy Gone” (anche se la title track, “Hotel Last Resort”, che vede nientepopodimeno che Tom Verlaine alla chitarra elettrica ed al microfono, se non è a quei livelli, è appena sotto, mentre si rivede la vecchia “I’m Nothing”, che ha anch’essa un quarto di secolo sulla carta d’identità), ma l’incedere sciatto, eccentrico, ironico, da busker quali erano agli esordi, quello sì, l’avrei gradito: e questo mi hanno dato. Magari, come è normale – e giusto- che sia, non più a cantare la rabbia anticonformista post-adolescenziale, ma che il DNA fosse almeno lo stesso, non infettato: e questo ho ritrovato.

Gano, Ritchie e compagnia, sono vivi: certo, la potenza creativa e muscolare non può essere quella degli esordi. Ma il sangue scorre ancora, cuore e cervello pulsano a dovere, e l’anima è quella di un tempo. Balzana, bislacca, pungente, ma coerente a se stessa.

E alla fine dei conti, va bene così.

 

 

Tracklist
1. Another Chorus
2. I Get What I Want
3. I'm Nothing
4. Adam Was A Man
5. Not OK
6. Hotel Last Resort
7. Everlasting You
8. It's All Or Nothing
9. I'm Not Gonna Cry
10. This Free Ride
11. Paris To Sleep
12. Sleepin' At The Meetin'
13. God Bless America
 
 

The Honeydrips – Here Comes ...

Percorso accidentato ma ricco di soddisfazioni quello dei The Honeydrips, progetto solista dello svedese Mikael Carlsson. Tre album più ...

Pindar – Backgammon Vol.1 ...

Giusta intuizione quella dei due producer MiK Drake e JaK Turn, bravi a giocare a carte coperte sfruttando l’immaginario simil-Daft Punk e ...

Unruly Girls – Epidemic

Nonostante il prezzo più alto venga pagato sempre dai più deboli, dai più poveri, dagli ultimi – basti guardare all’America ...

Lucio Leoni – Dove Sei, pt.1

Lucio Leoni non è un nome nuovo della scena cantautorale, attivo già da parecchi anni e con un percorso di tutto rispetto fatto di ...

Einsturzende Neubauten – ...

In questi giorni pieni di noia e mestizia, mi capita spesso di imbattermi nelle parole di individui più o meno esperti che provano a ...