ALL THE SAINTS
Look Like You’re Going Somewhere

[ Chunklet Industries - 2019 ]
7
 
Genere: Alternative rock/psyco rock
 
7 agosto 2019
 

Titus Brown, Matt Lambert e Jim Crook compongono il trio che con il nome di All the Saints giunge al terzo album, a cui è stato dato l’ottimista titolo di “Look Like You’re Going Somewhere”. Il loro primo album “Fire on Corridor X” risale al 2008. La band, originaria dell’Alabama ben presto si trasferisce ad Atlanta dove i tre ragazzi si fanno ben notare se vengono invitati a firmare un contratto per Touch & Go Records, prestigiosissima etichetta e famosa per aver scritturato e pubblicato album di cult band del panorama alternativo americano sin dagli inizi degli anni’80. Ricordiamone solo alcuni, tanto per farci venire le farfalline allo stomaco: Big Black, Blonde Redhead, Brainiac, Calexico, The Delta 72, Die Kreuzen, The Jesus Lizard, June of 44, L7, Mekons, Shellac, Slint, Therapy?, Urge Overkill, i nostri Uzeda, Virgin Prunes e ne ho tralasciati a centinaia. La cosa curiosa è che i nostri All the Saints sono l’ultima band che firmò per la Touch & Go prima del grande ridimensionamento avvenuto nel 2009 quando la label interruppe la produzione e la distribuzione anche per altre etichette indipendenti che dipendevano da essa. Dopo essersi fatti una discreta fama, soprattutto come grandi interpreti live, la band è stata contattata da Henry Owings, proprietario della Chunklet Industries. Il motivo dell’incontro è convincere i tre musicisti dell’Alabama a scrivere nuove canzoni per un nuovo album. Il buon Henry non deve averci speso troppo tempo per ottenere una risposta affermativa.

Con il contributo di Jason Kingsland, conosciuto soprattutto per il suo lavoro con Deerhunter e Band of Horses, la band si chiude negli Maze Studios per tre giorni e le otto canzoni di “Look Like You’re Going Somewhere” vengono incise. L’album è caratterizzato essenzialmente da un sound grezzo e distorto con basso pesante e chitarre aggressive con deviazioni psyco-noise accentuate da una voce psicotica. “Casket” è il brano che esce dai ranghi come quei corridori che fuggono dal gruppo a pochi chilometri dall’arrivo solo per piacevolmente sprofondare in qualche istante di gloria…per poi essere impietosamente ingoiati nella pancia del gruppo che li raggiunge al doppio della velocità…però quei quattro minuti di piano rimangono bene impressi nella memoria. Il loro suono è paragonato a quello degli inglesi Spacemen 3 ed ai più vicini Jesus Lizard (loro di Chicago): nonostante vengano scomodati nomi importanti direi che l’accostamento non è una bestemmia. Io ci metterei anche un pizzico di Nirvana tanto per non sfigurare!

Questo album ha una energia particolare, richiama la tua attenzione con una finta timidezza per poi portarti in spazi dove puoi lasciarti andare e trovare quello spirito, decisamente ribelle, che spesso lasciamo nascosto e soffocato dalle inconsistenti e futili incombenze giornaliere. Gli ATS non faranno la storia della musica ma possono vantarsi di aver scritto ottimi brani e, come quel corridore di cui si diceva prima, ritagliarsi qualche momento di meritata celebrità.

Tracklist
1. Gold
2. Lites
3. Look Like You’re Going Somewhere
4. Casket
5. Creak
6. Feeders
7. Old Order
8. Closer, Owner
 
 

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...

Field Mouse – Meaning

I dischi dei Field Mouse sono diventati da qualche anno a questa parte una piacevole consuetudine estiva. Non è rimasto molto di quella ...

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...