FLORIST
Emily Alone

[Double Double Whammy - 2019]
7.5
 
Genere: indie-folk,mimimal-pop
 
9 agosto 2019
 

Non sono passati nemmeno due anni da “If Blue Could Be Happiness” e questo weekend Florist è tornata con il suo terzo LP, chiamato semplicemente “Emily Alone”.

La Sprague, infatti, si è trasferita a Los Angeles, dove questo nuovo album è stato scritto, mentre i suoi compagni di band sono rimasti nello stato di New York, costringendo dunque Emily a rimanere l’unica componente del progetto.

Dopo la morte della madre, la fine di un’importante relazione sentimentale e alcuni mesi di forte depressione, la musicista statunitense ha composto questo suo nuovo LP, che riflette dunque il suo stato d’animo.

Maggiormente solo chitarra e voce, “Emily Alone” ha uno stato d’animo estremamente personale e riflessivo: ogni canzone ha questa sensazione minimalista, ma non per questo è meno bella, anzi probabilmente ciò permette alla Sprague di aumentare il senso di intimità dei suoi pezzi.

Interessante anche l’utilizzo dello spoken-work (sia all’inizio di “Celebration”, dove in seguito Emily lascia spazio a una seconda parte cantata e molto dolce, che nella corta “Still”), usato per continuare nelle sue meditazioni, mentre la sola “M”, in cui parla della madre, vede la voce della Sprague accompagnata da un gentilissimo piano, che la rende assai toccante.

“Today I’ll Have You Around” chiude il disco, dopo quasi quaranta minuti, nella maniera più morbida possibile ed è probabile che l’acqua che si sente più volte in sottofondo abbia un significato liberatorio.

Noi ovviamente non possiamo che rimanere profondamente colpiti dal grande cuore della Sprague e dai suoi toni che, seppur piuttosto dolorosi, profumano di sincerità, di purezza e di bellezza.

Tracklist
1. As Alone
2. Moon Begins
3. Celebration
4. I Also Have Eyes
5. Ocean Arms
6. Time Is A Dark Feeling
7. M
8. Now
9. Rain Song
10. Still
11. Shadow Bloom
12. Today I’ll Have You Around
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...