KAISER CHIEFS
Duck

[ Polydor - 2019 ]
4.5
 
Genere: Pop
 
di
9 agosto 2019
 

Quanto è distante nel tempo un album come “Yours Truly, Angry Mob”, secondo in studio dopo l’altrettanto fortunato (ed apprezzato) esordio di “Employment”?

In un mondo in cui la creatività e le novità vere e proprie si muovono al rallenty, sembra davvero millenni.

Perché se Ricky Wilson e compagni avevano già dato i primi segni con gli ultimi lavori, questo “Duck” ufficializza la definitiva uscita dal palinsesto rock dei Kaiser Chiefs. E non è un bene, sia chiaro anche questo.

Ché poi, gli agganci e le melodie non mancherebbero nemmeno, e la produzione e il missaggio (firmati da gente come Ben H. Allen e Iain Archer) sono a regola d’arte: il punto è che la componente rock, magnetico per quanto di facile approccio, dei Kaiser Chiefs invece che muoversi verso lidi sperimentali o consolidarsi in qualche peculiare percorso artistico distintivo, va a vaporizzarsi totalmente nel pop più edibile, commerciale, prevedibile.

Lo capiamo subito con l’opener “People Know How To Love One Another”, che vorrebbe essere pure un messaggio (ancora uno, ce ne fosse bisogno) sul tema Brexit: un piccolo insignificante inno che di più scontato è difficile fare.

E pure le divagazioni nell’R&B (“Wait”), nel synth-pop più effettato (“Don’t Just Stand There, Do Something”) o piccole pillole ai limiti del melenso (“Target Market”) non fanno altro che mettere in mostra una trazione che dalla chitarra si sposta troppo spesso su tastiere e simili, fino al colpo di grazia che è la chiusura con cori, coretti ed handclapping di “Kurt vs Frasier (The Battle For Seattle)”.

Un po’ come già successo con gente come i Panic! At The Disco, i Kaiser Chiefs mostrano al pubblico come mettere in atto l’harakiri pop perfetto: l’unica speranza, nemmeno troppo convinta, è che il coltello non abbia del tutto perforato il ventricolo più rock della band inglese, se questa parte rock del cuore davvero esiste ancora.

 

 

 

Tracklist
1. People Know How To Love One Another
2. Golden Oldies
3. Wait
4. Target Market
5. Don’t Just Stand There, Do Something
6. Record Collection
7. The Only Ones
8. Lucky Shirt
9. Electric Heart
10. Northern Holiday
11. Kurt vs Frasier (The Battle For Seattle)
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...