ANGIE MCMAHON
Salt

[Dualtone – 2019]
8.5
 
 
12 agosto 2019
 

La storia di Angie McMahon va raccontata dall’inizio. Australiana, venticinque anni, cresciuta a Fairfield (sobborgo di Melbourne) ha cominciato suonando soul con i The Fabric prima di inaugurare una carriera solista che negli ultimi sei – sette anni l’ha portata ad aprire i concerti di Pixies, Father John Misty, the Shins, Mumford & Sons.

Si è fatta strada con tenacia diventando una delle artiste più passate dalla storica radio aussie triple j. e ottenendo un meritatissimo successo con la trascinante “Slow Mover” che in Australia è diventata disco d’oro. Si sono accorti di lei anche in America : all’ultimo SXSW ha vinto il premio Grulke, assegnato agli artisti stranieri più promettenti e subito dopo ha firmato per la Dualtone (casa discografica di Chuck Berry, Mt. Joy e The Lumineers).

“Salt” è il disco d’esordio che potrebbe farla conoscere anche nel resto del mondo, Belpaese compreso. Un album maturo che riesce a trovare l’equilibrio più difficile: quello tra intimità e rabbia, tra tristezza e forza.

Angie McMahon suona con naturalezza la chitarra elettrica e l’arma in più è una voce calda, versatile, profonda che regala emozioni pur essendo incredibilmente controllata come dimostra il falsetto di “Standout”. Non ha paura di mettere ferite e insicurezze in musica e lo fa nelle toccanti “Play The Game” e “Soon”, nel blues di “Mood Song”.

C’è un altro lato della giovane australiana, quello più grintoso che emerge in “Keeping Time”, “Missing Me” e “Push”: schegge di rock puro tra PJ Harvey e la prima Anna Calvi in cui Angie rivela un’incredibile padronanza dei propri mezzi.

L’ironia della frenetica “Pasta” ricorda Courtney Barnett e dimostra che c’è tanto da scoprire nel mondo musicale di Angie McMahon. “90% spaghetti bolognese” come si definisce simpaticamente sul sito ufficiale ma soprattutto capace di scrivere un fragile e attualissimo inno al femminile chiamato “And I Am A Woman”.

I sette minuti di “If You Call” chiudono un album dolce, combattivo, intenso. L’emisfero australe regala un’altra musicista di gran classe.

Credit foto: Ben McNamara

Tracklist
1. Play The Game
2. Soon
3. Keeping Time
4. Slow Mover
5. Missing Me
6. Push
7. Pasta
8. Standout
9. Mood Song
10. And I Am A Woman
11. If You Call

 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...