SUM 41
Order In Decline

[ Hopeless Records - 2019 ]
6.5
 
Genere: alt metal, hardcore melodico
 
12 agosto 2019
 

Non saranno dei campioni di talento e originalità, ma i Sum 41 il loro lo hanno sempre fatto. Con passione e voglia di mettersi in gioco, senza restare ancorati in maniera pedissequa ai dettami del pop punk. Prendiamo a esempio il nuovo “Order In Decline”: arrivata al settimo album, la band canadese continua ad ampliare il proprio raggio d’azione, proseguendo quel percorso di graduale ispessimento sonoro iniziato nel 2011 con “Screaming Bloody Murder”.

L’heavy metal ha sempre rappresentato una parte importante del codice genetico di Deryck Whibley e compagni, sin dai tempi della parodistica “Pain for Pleasure” – un divertente omaggio agli anni ottanta di Iron Maiden e Judas Priest contenuto in “All Killer No Filler” (2001). In questo caso, però, l’asticella viene alzata: abbandonata definitivamente qualsiasi forma di desiderio di competizione con i Blink-182, i Sum 41 rielaborano a modo loro le sonorità di Metallica e Offspring per distribuirle in trentasei minuti esatti di hardcore melodico tanto pop quanto heavy.

Tra i riff affilatissimi, i ritmi forsennati tipici del thrash e gli ottimi assolo del redivivo Dave Baksh, il quintetto non rinuncia di certo alle sue caratteristiche: le canzoni, tutte rigorosamente strutturate per essere in linea con i tempi stretti delle radio, traboccano di ritornelli pronti a stamparsi nella testa sin dal primissimo ascolto. Un punto a favore per Whibley, giunto ormai nel pieno della sua maturità artistica, ma anche un piccolo demerito: con un pizzico di coraggio in più, “Order In Decline” avrebbe potuto letteralmente spiccare il volo.

E invece i Sum 41 preferiscono andare sul sicuro, limitandosi ad “appesantire” quanto già fatto sentire nel precedente “13 Voices”. Un vero peccato, perché una cornice leggermente più complessa e meno mainstream avrebbe sicuramente giovato all’inedito impegno politico che fa capolino in quasi tutti i testi. “Out For Blood”, “A Death In The Family”, “The New Sensation” e “The People Vs…” le tracce consigliate. Dimenticabili le ballate (“Never There” e “Catching Fire”).

Tracklist
1. Turning Away
2. Out For Blood
3. The New Sensation
4. A Death In The Family
5. Heads Will Roll
6. 45 (A Matter Of Time)
7. Never There
8. Eat You Alive
9. The People Vs...
10. Catching Fire
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...