TY SEGALL
First Taste

[ Drag City - 2019 ]
7
 
Genere: garage rock, rock
Tags:
 
12 agosto 2019
 

Se dovessero pormi la domanda “qual è il garage rocker più prolifico della scena musicale attuale?” non avrei dubbi, la risposta sarebbe unica ed immediata: Ty Segall.

L’artista californiano torna alla carica con l’ennesimo disco, “First Taste”, che va ad aggiungersi alla già lunga lista di studio albums, ep e singoli che ne costellano la giovane carriera musicale. L’ultimo lavoro del cantante, composto da 12 brani, vede la luce il 2 agosto tramite l’etichetta Drag City.

A detta dell’artista “First Taste” si presenta come un album più introspettivo rispetto ai precedenti. Tematiche come l’autostima, la famiglia, la paura del futuro, la gioia di un’infanzia piovosa si mescolano tra loro, animate dallo stesso soffio vitale. La novità fondamentale del disco è l’aggiunta di nuovi strumenti al repertorio classico utilizzato da Segall. Bouzouki, mandolino, koto, sassofono etc contribuiscono, infatti, alla creazione di un sound totalmente inedito per il musicista.

“First Taste” è anticipato dal polposo singolo “Taste”, il cui video, diretto da Joshua Erkman, vede Segall nei panni di uno spietato killer. Gli omicidi perpetrati dal musicista non sono casuali, Segall, infatti, seleziona le sue vittime in base ad un criterio ben preciso, ovvero un capo d’abbigliamento. Ogni morte cruenta inflitta dal musicista corrisponde, per l’appunto, al furto di un accessorio per completare l’outfit esibito al termine del video. Un clip geniale, splatter e divertente, che si presta perfettamente alla sonorità arrogante e metallica del pezzo.

Un coloratissimo, e quasi psichedelico gioiellino, è “Radio”. Dolce, trascinata e con un coro degno dei Beach Boys è, invece, “Ice Plant”.  Entrambe le canzoni sono un perfetto esempio della spinta verso nuovi orizzonti nella quale Segall ha voluto forgiare “First Taste”.

Insomma grazie a Ty Segall che, per adesso, nonostante il numero impressionante di materiale pubblicato, riesce a mantenere alti e costanti gli standard e la fantasia. “First Taste” ne è la prova schiacciante: un succoso album di fine estate, da gustare tutto in un sol boccone.

Credit Foto: Denée Segall

 

Tracklist
1.Taste
2. Whatever
3. Ice Plant
4. The Fall
5. I Worship the Dog
6. The Arms
7. When I Met My Parents (Part 1)
8. I Sing Them
9. When I Met My Parents (Part 3)
10. Radio
11. Self Esteem
12. Lone Cowboy
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...