EVERYTHING HITS AT ONCE: THE BEST OF SPOON
Spoon

[ Matador Records - 2019 ]
6
 
Genere: Indie Rock
Tags:
 
14 agosto 2019
 

Un best of è una tela intricata che può farti incazzare, oppure può diventare un universo immaginario e ideale in cui incontrarsi con i brani più amati di una band o di un autore. Gli Spoon sono una struttura complessa costruita su una discografia ampia che abbraccia quasi un ventennio e allora “Everything Hits at Once:The Best of Spoon” è congeniale a ricapitolare una carriera.

Un best of, a causa delle playlist, può sembrare uno strumento in disuso, buono per gli scaffali dei negozi di elettronica e per chi compra cd da ascoltare in auto, eppure gli Spoon fanno un uso sottile di questo strumento.

L’araba fenice del mercato discografico che torna ricca di brani importanti per la carriera della band, fondamentale è la presenza di “Hot Thoughts” o “Everything Hits at Once”.
Il significato dell’uscita è radicato direttamente nel percorso discografico della band ed effettivamente a rispettare l’idea è anche la setlist dei brani, posizionati con una cronologia puntuale.

L’idea di evoluzione che si scontra, incontra e dialoga con quella di rivoluzione. Un sound che può sembrare in disuso, ma è ancora assolutamente funzionale a trasmettere messaggi importanti, come in “No Bullets Spent” (brano inedito pubblicato).

Il contenitore è una riproposizione validissima per i fan storici, meno probabilmente per chi vuole avvicinarsi all’universo Spoon. Il ventaglio è comunque ampio, ma se vi aspettate di sentire una “cacofonia di voci”, come Ted Chiang in ‘The Great Silence’ rimarrete delusi, perché rimarrà solo un insopportabile silenzio, impossibile da spiegare.

Cautela e divertimento sono le due attitudini con cui avvicinarsi al lavoro: gli Spoon rimangono dei monumenti, ma in alcune occasioni rischiamo di fare una semplice e scialba abitudine anche alle effigi più belle.

Forse l’idea di rilanciare e riversare una raccolta di brani in un best of è un’idea malsana o forse c’è solo bisogno di una grande spinta di contorno, di un’idea astuta per integrare i brani ad uno storytelling più accattivante.
I pezzi bellissimi degli Spoon restano ed è un piacere riascoltarli ma, in “Everything Hits at Once:The Best of Spoon”, tutto è misurato e troppo regolare. Gli Spoon forse volevano vincere facile, ma talvolta è meglio perdere con stile.

E se, come scrive Ted Chiang in Exhalation: “Civilization now depends on self-deception”, noi preferiamo rimanere genuini. “Everything Hits at Once:The Best of Spoon” è una prova, una corsa contro qualcosa che rischia di essere non fuoritempo ma perlomeno by-passabile.

Tracklist
01. I Turn My Camera On
02. Do You
03. Don't You Evah
04. Inside Out
05. The Way We Get By
06. The Underdog
07. Hot Thoughts
08. I Summon You
09. Rent I Pay
10. You Got Yr. Cherry Bomb
11. Got Nuffin
12. Everything Hits At Once
13. No Bullets Spent
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...