PAWS
Your Church On My Bonfire

[ Ernest Jenning Record Co - 2019 ]
7.5
 
Genere: alt-rock,indie-rock
 
19 Agosto 2019
 

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo tre anni i PAWS sono ritornati a fine aprile con un nuovo lavoro sulla lunga distanza.

In questo lasso di tempo la band di Glasgow ha sofferto di importanti perdite, ha visto concludersi relazioni sentimentali e ha avuto cambiamenti di line-up: il nuovo disco tratta di questi temi e, anche grazie all’aiuto di Andy Monaghan, chitarrista dei Frightened Rabbit, che lo ha prodotto e mixato nell’ottobre dello scorso anno in Scozia, riesce ad avere toni più gentili e morbidi rispetto al passato.

L’opening-track “What We Want” parla della morte del padre di Phillip Taylor, con cui il frontman non aveva un rapporto particolarmente positivo: nonostante ciò l’umore è parecchio riflessivo e tenero e non si allontana troppo da quello dei Frightened Rabbit.

Il singolo “Not Enough” mostra le loro vecchie influenze punk, ma riesce comunque a descrivere questo nuovo senso di emotività presente su tutto il nuovo disco e a noi le chitarre ricordano parecchio quelle del gruppo del compianto Scott Hutchison.

Toccante e malinconica la bellissima ballata acustica “Anything Worse”, mentre “Honoured To Be Honest” è una bella botta di vita e ci riporta indietro ai PAWS old school, adrenalinici, energici, melodici e punk.

Molto interessante la conclusiva “Not Goodbye (See You Later)”, lunga oltre dodici minuti: tra passaggi spoken-word, assoli chitarristici e paesaggi sonori che tendono verso il post-rock, riesce a raccogliere un’intensità emotiva davvero forte.

Tanti cambiamenti per questo quarto LP dei PAWS, sicuramente influenzato dal suono dei Frightened Rabbit, senza però essere una mera copia del gruppo dei fratelli Hutchison: Taylor sa mettere la sua personalità e la ricchezza del sound e dei sentimenti che caratterizzano questo disco, così diversi, ma così potenti, ci entrano immediatamente nel cuore. Nonostante i tanti dolori e le tante sofferenze che la vita li ha portato, Phillip e compagni sono stati capaci di scrivere un altro album di grande valore.

Tracklist
1. What We Want
2. Not Enough
3. The Watering Hole
4. Joanna
5. Anything Worse
6. Honoured To Be Honest
7. Like Some Injured Fawn
8. The Slow Sprint
9. Milk, Honey And Sweat
10. Arachnids
11. Not Goodbye (See You Later)
 
 

Desert Sessions – Vols. 11 ...

Sedici anni dopo gli ultimi segnali di vita, si riaprono i cancelli del Rancho de la Luna. Le Desert Sessions sono ripartite, nonostante ...

Comet Gain – Fireraisers ...

Formatisi agli inizi degli anni 90 e con molte line up che si sono succedute negli anni a venire, i Comet Gain di David Feck tornano dopo ...

Pieralberto Valli – Numen

Pieralberto Valli, Pav, torna a far ascoltare nuovi, particolarissimi, brani musicali nel suo ultimo disco dal titolo “Numen”. Numen è ...

Marianne Mirage – Vite ...

Una riccia fuori dalle righe e unconventional, è così che ci piace definire Marianne Mirage nome d’arte di tutto rispetto attorno cui ...

The Menzingers – Hello Exile

È possibile realizzare un album vivace, intenso e pieno di belle melodie senza mettere in mostra uno straccio di idea originale? Stando ai ...