B BOYS
Dudu

[ Captured Tracks - 2019 ]
7
 
Genere: post-punk
Tags:
 
23 agosto 2019
 

La scena musicale DIY di New York non conosce il significato delle parole penuria o scarsità, non dobbiamo di certo annunciarlo noi: Brushwick, sobborgo di Brooklyn ne è senza dubbio uno dei luoghi più fervidi e stimolanti.

Non so se Andrew Kerr (batteria), Brendon Avalos (basso) e Britton Walker (chitarra) abbiano fatto diligentemente la fila per raggiungere un tavolo e gustare il tipico piatto italiano da Roberta’s Pizza (il fatto che ci vada Beyoncé non credo sia uno stimolo convincente per i tre artisti newyorkesi) o se invece preferiscono la cucina vietnamita di Lucy’s ma di certo avranno frequentato locali come il Silent Barn o il mitico Goobye Blue Monday (prima della definitiva chiusura) che in fatto di musica alternativa hanno le carte in regola per attirare amanti del genere, come agenti della DEA attratti invece da un carico di droga appena scaricato in un vecchio e dismesso magazzino a pochi passi dal famosissimo ponte sospeso, primo esempio di ponte in acciaio della storia.

I B Boys danno l’impressione di prendere la vita per come viene, non si dannano, per esempio, di trovare un titolo altisonante al loro secondo album. Se “Dada” era stato scelto per l’esordio, così, perchè il suono della parola scorreva piacevolmente, possiamo pensare che Dudu sia stato scelto per lo stesso motivo, un modo sbrigativo per togliersi di mezzo velocemente questa seccatura del titolo (ci sentiamo nel giusto escludere che il titolo dell’album sia stato ispirato dal nome del famoso cagnolino di Berlusconi, ormai troppo lontano dalle cronache mondane della Grande Mela). Ben quindici pezzi compongono la scaletta del disco, che possiamo definire “punk” visto che, da come si legge in giro, la loro musica viene associata a band storiche come Clash, Gang of Four e Wire.

Quindi le coordinate di genere sono queste, concordiamo, ma questo lavoro è tutt’altro che una copia (bella o brutta che sia) di quello che è già stato scritto, suonato e cantato da illustri ma precedenti band. L’energia è il piatto forte della band che disdegna l’approccio melodico del cantato che assume prevalentemente la forma declamante con le voci di Avalos (soprattutto) e di Kerr a dare enfasi ai testi che, come spesso accade in questi casi, sono inni di protesta contro il mondo capitalista. Individui succubi dei social media e della velocità con cui tutto si brucia (nel brano “In stant Pace” Brendon sottolinea questo lato della nostra vita quotidiana dove “siamo sopraffatti e oberati quando non possiamo dare un senso a questo mondo senza senso”). In effetti la particolarità di questa band sono i testi molto diretti e ficcanti arricchiti da ritmi incalzanti e chitarre dal suono angolare e deciso.

I tour con Shame e Parquet Courts hanno probabilmente ispirato i ragazzi di Brooklyn in pezzi come “On Repeat” e “Ceremonies of Waste”, mentre “I Want”, ruvida e spigolosa, è una preghiera punk da recitare in un momento di crisi spirituale. La chitarra ipnotica di “Asleep/Awake” ci regala invece un altro momento da goderci in una serata con la luna piena a farci compagnia mentre sorseggiamo una fresca IPA dal gusto fruttato.
Una birra va sicuramente offerta ad Andrew Kerr per il magistrale contributo che dà con la sua batteria sempre ingegnosa e brillante.

Ascoltiamo il loro consiglio, fermiamoci un attimo, lasciamo perdere tutto quello che ci circonda e ci costringe a correre con la mente (senza, per altro, andare da nessuna parte). E se vogliamo ricaricare le batterie con un sana voglia di spaccare il mondo in due, beh, volume al massimo e B Boys sul piatto, l’effetto è garantito.

Tracklist
1. Cognitive Dissonance
2. Pressure Inside
3. Closer
4. Automation
5. Ceremonies of Waste
6. Instant Pace
7. No
8. Another Anthem
9. I Want
10. On Repeat
11. Smoke You
12. Can't Stand It
13. Asleep/Awake
14. Taste For Trash
15. Dudu
 
 

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...

Field Mouse – Meaning

I dischi dei Field Mouse sono diventati da qualche anno a questa parte una piacevole consuetudine estiva. Non è rimasto molto di quella ...

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...