OGGI “MONARCH (LAY YOUR JEWELLED HEAD DOWN)” DI FEIST COMPIE 20 ANNI

 
24 Agosto 2019
 

Lo chiamano l’album perduto. “Monarch (Lay Your Jewelled Head Down)” è l’esordio di Feist, uscito dieci anni fa per la Bobby Dazzler Records. Fuori catalogo ormai da tempo (ma su internet si trova, non su Spotify però) è stato ristampato in vinile nel 2012. Tiratura: duemila copie, ancora oggi vendute a caro prezzo. Strano destino per il predecessore di “Let It Die” e “The Reminder” registrato a Toronto grazie ai contributi alla cultura del governo canadese.

Leslie Feist aveva vent’anni, non faceva ancora parte dei Broken Social Scene e divideva la camera con un’altra ragazza destinata ad aver fortuna: Merril Nisker meglio nota come Peaches. E’ importante ribadirlo perché in questo disco ci sono tutti i dubbi, le incertezze di una giovane donna piena di vita. La voce melodiosa è quella che abbiamo imparato a conoscere, i brani rivelano un’incredibile maturità e una varietà negli arrangiamenti non certo da produzione indipendente.

“It’s Cool To Love Your Family” col suo video ufficiale molto DIY, “One Year A.D” e “Monarch” sono piccoli, coraggiosi esempi di indie rock spigliato che cedono il passo a ballate romantiche e orchestrali (“The Onliest”, l’intensa “That’s What I Say, It’s Not What I Mean”) e brani accattivanti (“La Sirena”, “Flight 303”) antenati di “Mushaboom” e “My Moon My Man”, in cui si vede già il talento che Feist avrebbe confermato di avere negli anni successivi.

Feist a vent’anni era già Feist insomma. Sapiente tessitrice di emozioni, capace di riunire attorno a sé un nutrito gruppo di musicisti noti e meno noti: Martin Tielli dei Rheostatic, Jose Contreras dei By Divine Right, Brendan Canning che avrebbe ritrovato nei Broken Social Scene e Jason Beck, che sarebbe diventato famoso come pianista / rapper col nome di Chilly Gonzales.

I’ve Moved On” dice Feist quando qualcuno le parla di quell’esordio dimenticato, forse perché troppo autobiografico. Un vero peccato: brani come “The Mast”, con quella chitarra acustica e la solida batteria, o l’affascinante “New Torch” avevano il DNA di piccoli classici e si sarebbero inseriti perfettamente nel panorama musicale d’inizio millennio.

Feist – Monarch (Lay Your Jewelled Head Down)
Data di pubblicazione: 24 agosto 1999
Tracce: 10
Lunghezza: 40:58
Registrato: 1998-1999, Hamilton’s Catherine North Studio (Toronto)
Etichetta: Bobby Dazzler Records
Produttore: Dan Kurtz

Tracklist

1. It’s Cool to Love Your Family
2. The Onliest
3. La Sirena
4. One Year A.D.
5. Monarch
6. That’s What I Say, It’s Not What I Mean
7. Flight #303
8. Still True
9. The Mast
10. New Torch

 

Album, concerti e Festival ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

Oggi ” Vienna ” degli Ultravox ...

“Vienna” è il quarto album degli Ultravox, ed è, allo stesso tempo, il loro primo, una frase che, per quanto paradossale, ha  ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Parachutes” dei ...

Sparare a zero sui Coldplay è diventato negli anni, sempre di più, uno degli sport preferiti di molti appassionati di musica, per non dire ...

Oggi “Fun House” degli ...

Fiamme avvolgono volti e corpi di quattro ragazzi di Detroit. La lava avvolge il giovane Iggy Pop incatenato nel fuoco, un fiume in piena ...