OGGI “MONARCH (LAY YOUR JEWELLED HEAD DOWN)” DI FEIST COMPIE 20 ANNI

 
24 agosto 2019
 

Lo chiamano l’album perduto. “Monarch (Lay Your Jewelled Head Down)” è l’esordio di Feist, uscito dieci anni fa per la Bobby Dazzler Records. Fuori catalogo ormai da tempo (ma su internet si trova, non su Spotify però) è stato ristampato in vinile nel 2012. Tiratura: duemila copie, ancora oggi vendute a caro prezzo. Strano destino per il predecessore di “Let It Die” e “The Reminder” registrato a Toronto grazie ai contributi alla cultura del governo canadese.

Leslie Feist aveva vent’anni, non faceva ancora parte dei Broken Social Scene e divideva la camera con un’altra ragazza destinata ad aver fortuna: Merril Nisker meglio nota come Peaches. E’ importante ribadirlo perché in questo disco ci sono tutti i dubbi, le incertezze di una giovane donna piena di vita. La voce melodiosa è quella che abbiamo imparato a conoscere, i brani rivelano un’incredibile maturità e una varietà negli arrangiamenti non certo da produzione indipendente.

“It’s Cool To Love Your Family” col suo video ufficiale molto DIY, “One Year A.D” e “Monarch” sono piccoli, coraggiosi esempi di indie rock spigliato che cedono il passo a ballate romantiche e orchestrali (“The Onliest”, l’intensa “That’s What I Say, It’s Not What I Mean”) e brani accattivanti (“La Sirena”, “Flight 303”) antenati di “Mushaboom” e “My Moon My Man”, in cui si vede già il talento che Feist avrebbe confermato di avere negli anni successivi.

Feist a vent’anni era già Feist insomma. Sapiente tessitrice di emozioni, capace di riunire attorno a sé un nutrito gruppo di musicisti noti e meno noti: Martin Tielli dei Rheostatic, Jose Contreras dei By Divine Right, Brendan Canning che avrebbe ritrovato nei Broken Social Scene e Jason Beck, che sarebbe diventato famoso come pianista / rapper col nome di Chilly Gonzales.

I’ve Moved On” dice Feist quando qualcuno le parla di quell’esordio dimenticato, forse perché troppo autobiografico. Un vero peccato: brani come “The Mast”, con quella chitarra acustica e la solida batteria, o l’affascinante “New Torch” avevano il DNA di piccoli classici e si sarebbero inseriti perfettamente nel panorama musicale d’inizio millennio.

Feist – Monarch (Lay Your Jewelled Head Down)
Data di pubblicazione: 24 agosto 1999
Tracce: 10
Lunghezza: 40:58
Registrato: 1998-1999, Hamilton’s Catherine North Studio (Toronto)
Etichetta: Bobby Dazzler Records
Produttore: Dan Kurtz

Tracklist

1. It’s Cool to Love Your Family
2. The Onliest
3. La Sirena
4. One Year A.D.
5. Monarch
6. That’s What I Say, It’s Not What I Mean
7. Flight #303
8. Still True
9. The Mast
10. New Torch

 

Oggi “Funeral” degli ...

Era il 2004 quando gli Arcade Fire si presentarono sulla scena con “Funeral”. Con una forza emozionale intrinseca che dire ...

Oggi “Kasabian” dei ...

Inghilterra, 2004. Sulla scena del rock si stagliano quattro giovani musicisti carismatici ed energici. Si chiamano Kasabian e sembrano ...

Oggi “There’s Nothing ...

Avevo bisogno di correre a perdifiato. Una corsa senza senso, veloce, rabbiosa. Ne avevo bisogno, era un pensiero incessante: volevo sentire ...

Oggi “The Contino ...

Richard Fearless e Tim Holmes erano due mestieranti della musica, conoscevano bene la materia, avevano passione, gusto, e conoscevano le ...

Oggi “Andate Tutti ...

Dieci anni fa gli Zen Circus hanno goliardicamente mandato tutti a quel paese. Potevano permetterselo dopo la lunga gavetta passata tra ...