LINA TULLGREN
Free Cell

[ Captured Tracks - 2019 ]
7.5
 
Genere: indie-rock
 
26 Agosto 2019
 

“Free Cell” (il cui titolo proviene dall’omonimo gioco di carte) è uscito questo weekend per la Captured Tracks di Mike Sniper: per Lina Tullgren si tratta del secondo lavoro sulla lunga distanza, che arriva a due anni di distanza dal suo debutto, “Won”.

Inizialmente scritte nella casa dei suoi genitori nel New England, le dodici canzoni che compongono questo sophomore sono state registrate per la maggior parte ai Figure 8 Studios di Brooklyn (la Tullgreen si era nel frattempo trasferita nel Queens per stare più vicino alla sua comunità musicale): a causa di un incidente d’auto del suo collaboratore Ty Ueda, con cui aveva già lavorato per il primo LP, Lina si è ritrovata a dover produrre da sola il suo disco. Ueda, una volta ripresosi, è intervenuto solo nell’ultima parte della produzione, avvenuta al suo Mount Misery Studio.

Questo fatto ha ovviamente caricato di responsabilità la musicista nativa del New England che, da violinista, ha deciso di aggiungere al suo indie-rock elementi classici e orchestrali come fiati e appunto archi.

L’iniziale title-track, “Free Cell” ci fa subito ascoltare il suono del violino insieme a una voce dal tono riflessivo e a un’atmosfera piuttosto inquietante, mentre “Golden Babyland” ci presenta degli eleganti synth dalle influenze new wave, che sembrano navigare perfettamente all’interno degli ampi panorami sonori della canzone.

E se la conclusiva “Piano” è un tocco di gentilezza, semplice e pieno di sentimenti, graziato appunto dal morbido piano della Tullgren, “Wow, Lucky” non nasconde le sue influenze indie-rock, ma rimane sempre con un tono soft e modesto.

Davvero un lavoro interessante questo “Free Cell”, gentile, variegato, forse di non immediato approccio, ma comunque emotivo e intelligente: per Lina un apprezzabile passo in avanti.

Tracklist
1. Free Cell
2. 110717
3. Golden Babyland
4. Bad At Parties
5. Saiddone
6. Soft Glove 1
7. Glowing x 10000
8. Wow, Lucky
9. Soft Again
10. Nervous Yet
11. Soft Glove 2
12. Piano
 
 

Subsonica – Microchip ...

di Cassandra Enriquez Ci eravamo quasi abituati a questa assenza dei Subsonica, da sempre iper produttivi e onnipresenti, ma da quattro anni ...

Bombay Bicycle Club – ...

Far parte di una band non è poi così diverso dall’avere una storia d’amore. Di quelle forti, fatte di passione, condivisione e, a ...

Joe D. Palma – Tutto Ok.

di Cassandra Enriquez Dopo l’EP di debutto nel 2017, due anni di tour in giro per l’Italia, condendo il tutto con aperture per Frah ...

Klippa Kloppa – Liberty

Attivi da tantissimi anni (il loro primo album ufficiale, targato Snowdonia, risale al 2003), i campani Klippa Kloppa nel loro lungo ...

Longwave- If We Ever Live Forever

Bisogna fare un piccolo sforzo, spremerci un pochino le meningi per ricordarci dei Longwave. Il loro ultimo album “‘Secrets Are ...