CRX
Peek

[ Headless Records - 2019 ]
5.5
 
Genere: Synth Rock, Dance Rock, Synth Pop
 
di
6 settembre 2019
 

Riecco quindi Nick Valensi dei The Strokes con i suoi CRX, dopo il primo lavoro “New Skin”: diciamocelo, niente di eccezionale al tempo, con sin troppe somiglianze rispetto alla band d’origine, disorganico, confusionario.

Ci riprovano quindi i CRX, cercando di allargare il tiro con un tuffo tra synth, tastiere, linee di basso baldanzose, effetti vagamente ipnotici ed ambientazioni disco anni ’80, che vanno tanto di moda ai giorni d’oggi: la cinematica “We’re All Alone”, già diffusa come estratto, è emblematica in tal senso. Apprezzabile, ad essere buoni, niente di più.

Avanti e anche la successiva “New Obsession” segue lo stesso sentiero, con risultati pressoché simili. Discreta, ad essere clementi.

Ecco poi un altro estratto, “Get Close”: Valensi cerca di graffiare con gli effetti dell’elettrica, ma i risultati in termini complessivi non scostano ancora di un centimetro l’idea formatisi finora. Decente, ad essere magnanimi.

E di profondità nei testi, peraltro, nemmeno a parlarne: “Falling”, anch’essa già diffusa, ne è un esempio, con le solite venature anni ’80 a farla da padrona. Dignitosa, ad essere generosi.

A questo punto, il motivo conduttore è ormai evidente, e lasciamo scorrere il resto dell’album senza particolari sussulti. Nel bene, e nel male, va comunque detto. Perché a fronte di uno spessore qualitativo risibile, l’ascolto non è poi così stancante e c’è una buona effervescenza.

Il discorso è semplice: se siete fan accaniti dei The Strokes, e magari pure di Valensi, questo album dei CRX, per quanto monocromo, vi potrà pure piacere, inoltre la vitalità ed il cambio di registro rispetto all’esordio sono comunque degni di elogio; se invece guardiamo in maniera imparziale il valore assoluto di questo “Peek”, possiamo tranquillamente aprire il cassetto del dimenticatoio e mettercelo dentro: spazio ce ne sarà quanto ne volete, e difficilmente vi tornerà in mente di andare a ripescarlo.

Credit Foto: Brandon Harman

Tracklist
1. We're All Alone
2. New Obsession
3. Get Close
4. Falling
5. Criminals
6. Wet Paint
7. Crash
8. Golden Age
9. Back & Forth
10. Love Me Again
 
https://open.spotify.com/album/66xYgdQtwsRz9L4p6JgcLI?si=N_Psf9P0ROW4O11oxCmk6w
 

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...

Clairo – Immunity

Clairo è un altro tassello che è parte di una wave di nuove viralità e innovative forme artistiche che vanno oltre i singoli e la musica ...

Ezra Furman – Twelve Nudes

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, ...

The S.L.P. – The S.L.P.

“Mi sento come avessi visto la Terra dallo spazio”, dice il buon Pizzorno, deus ex machina dei Kasabian alla sua prima ...

Thee Oh Sees – Face Stabber

Prima di partire per questa recensione vi consiglio caldamente di leggere quelle dei loro album precedenti “Smote Reverse” e ...