THE MURDER CAPITAL
When I Have Fears

[ Human Season - 2019 ]
7.5
 
Genere: post-punk, indie rock
 
9 Settembre 2019
 

Arriva il tanto atteso momento del debutto per i Murder Capital, giovanissimo quintetto irlandese che aspira a una posizione di rilievo nella scena post-punk moderna. Un genere in piena rinascita, a giudicare dai lavori pubblicati più o meno recentemente dai vari Shame, Fontaines D.C. e Idles. Pur fermandosi un gradino al di sotto rispetto a quanto fatto sentire dai tre gruppi appena menzionati, “When I Have Fears” non delude affatto le aspettative.

Per produrlo è stato contattato un professionista che il post-punk non solo lo conosce, ma in qualche modo ha anche contribuito a plasmarlo nel corso dei decenni: si tratta del celeberrimo Flood, noto soprattutto per le sue frequenti collaborazioni con U2, Depeche Mode, Nick Cave e PJ Harvey. Un uomo che padroneggia al meglio la materia, avendo mosso i primi passi al fianco di gente del calibro di New Order e The Sound.

È facile credere che i Murder Capital si siano affidati ai suoi consigli senza battere ciglio, pur non rinunciando a mettere subito in mostra una personalità degna di musicisti navigati. Le dieci tracce di “When I Have Fears” funzionano proprio perché rappresentano una via di mezzo tra la ponderatezza figlia di un’esperienza di lungo corso e la passione bruciante di chi vuole dire tutto e subito.

È dallo scontro di queste due caratteristiche che viene a crearsi un suono tanto teso quanto raffinato. Nervoso e tagliente, ma anche profondo e ricco di dettagli, nonostante l’essenzialità della strumentazione a disposizione del cantante James McGovern e dei suoi compagni. Una sezione ritmica incredibilmente solida, formata dal bassista Gabriel Paschal Blake e dal batterista Diarmuid Brennan, pone le fondamenta ideali per gli articolati intrecci di chitarra disegnati dalle mani di Damien Tuit e Cathal Roper.

I due si muovono su binari paralleli ma finiscono sempre per incontrarsi, come dimostrano le sfuriate elettriche alla base di “For Everything”, “More Is Less” e “Feeling Fades”. Gli effetti che di volta in volta selezionano per i segmenti che costituiscono “Slowdance I” e “Slowdance II” infondono umori cangianti a questa coppia di brani collegati tra loro: dalle atmosfere fumose e dark dei primissimi minuti si passa a un finale a dir poco maestoso, sorretto da un riff da cantare in coro.

La voce baritonale di McGovern funziona in ogni tipo di situazione: il suo gusto per la melodia graffia nelle movimentate “Don’t Cling To Life” e “Love, Love, Love” e accarezza nelle ottime ballad “How The Streets Adore Me Now” e “On Twisted Ground”, così cariche di pathos da far sciogliere anche i cuori più insensibili. Qualche aspetto acerbo ancora c’è, ma una cosa è certa: difficilmente i Murder Capital spariranno dalla circolazione.

Tracklist
1. For Everything
2. More Is Less
3. Green & Blue
4. Slowdance I
5. Slowdance II
6. On Twisted Ground
7. Feeling Fades
8. Don't Cling To Life
9. How The Streets Adore Me Now
10. Love, Love, Love
 
 

Greet Death – New Hell

Quest’anno Babbo Natale ha dovuto risvegliare in anticipo di oltre un mese le sue amate renne per portarci in dono il nuovo lavoro degli ...

Due – Due

Avevamo già apprezzato il disco d’esordio di Luca Lezziero, così scarno, acustico ed evocativo, alla ricerca di un linguaggio ...

Il Buio – La città appesa

Sei anni dopo il debutto intitolato “L’oceano quieto”, Il Buio riemerge dalla provincia vicentina per portarci a fare un giro nel ...

Sean Henry – A Jump From The ...

E’ passato poco più di un anno dall’uscita del suo primo LP, “Fink”, ma Sean Henry il mese scorso ha già pubblicato questo suo ...

William Patrick Corgan – ...

Arriva un po’ come un piccolo regalo a sorpresa questo “Cotillions”, terzo album solista di William Patrick Corgan (per gli amici ...