STEREOPHONICS: LA TOP 10 BRANI

 
11 Settembre 2019
 

Uscirà ad ottobre il nuovo album dei gallesi Stereophonics. Una carriera lunga che ha toccato vertici importanti, per poi stabilirsi su una dignitosa mediocrità, in cui ancora qualche ottimo pezzo fa capolino, insieme a mestiere, brani scritti col pilota automatico e riempitivi. Però, tra il dire e il fare siamo all’undicesimo album e tonfi drammatici e da dimenticare completamente non ne abbiamo ancora visti, ci sono carriere che naufragano molto prima e molto peggio. Sicuramente hanno trovato la loro strada: un sound esaltato dalla voce roca (alla Rod Stewart) di Kelly Jones, con il piglio rock intervallato anche da ballate toccanti che sono diventate un bel marchio di fabbrica della ditta e hanno superato momenti in cui la fine sembrava vicina (anche a detta dello stesso leader).
Una top 10 ci sembrava doverosa…

10 – GRAFFITI ON THE TRAIN

2013, da “Graffiti On The Train”

Ballata con archi epici. Toccante e semplice se vogliamo, ma impreziosita da un arrangiamento notevole e quell’assolo lascia il segno.

9 – DAISY LANE

2007, da “Pull The Pin”

Morbidissima e malinconica, con quel ritornello cantato quasi con voce svogliata. Un singolo assolutamente mancato.

8 – BEFORE ANYONE KNEW OUR NAME

2017, da “Scream Above the Sounds”

Ci manchi Stuart. Piano e voce: lacrime vere e sincere. Nostre e di Kelly nel ricordare un amico ormai scomparso da troppo tempo…

7 – CAUGHT BY THE WIND

2017, da “Scream Above the Sounds”

Classici e attenti al ritornellone. Gli Stereophonics quando vanno sul sicuro difficilmente sbagliano.

6 – DAKOTA

2005, da “Language. Sex. Violence. Other?”

Grossi voli pindarici dagli Stereophonics non se ne cercano, anzi, se lo facessero correrebbero il rischio di finire in orrende sabbie mobili. In un disco piacevolmente rock come “Language. Sex. Violence. Other?” notiamo qualche piccola variazione sul tema e la cosa non ci dispiace. “Dakota” ne è l’esempio con una taglio più secco, quasi new-wave.

5 – JUST LOOKING

1999, da “Performance and Cocktails”

La ballata peer eccellenza. Quella che ti da la pelle d’oca. Quella che cresce dopo gli arpeggi. Quella che esplode nel ritornello. Quella che gli Stereophonics trovano e resta brillante come una diamante nella discografia.

4 – IT MEANS NOTHING

2007, da “Pull the Pin”

Climax ascendente per una ballata semplice e scarna e ripetitiva (volutamente) eppure ancora una volta capace di racchiudere il mondo sonoro della band alla perfezione. Il crescendo del brano è assoluto e trascinante.

3 – NOT UP TO YOU

1997, da “Word Gets Around”

Mid-tempo eccelso per i ragazzi che, come sempre, cresce sempre più e Kelly con la sua voce graffiante tocca le corde giuste…

2 – LOCAL BOY In THE PHOTOGRAPH

1997, da “Word Gets Around”

Il primo brano degli Stereophonics che ascoltai una vita fa. Ne parlavano già da un po’ di questi ragazzi gallesi su NME e Melody Maker e il mio battesimo con loro fu proprio con questo instant classic. Una botta emotiva pazzesca. Boom.

1 – THOUSAND TREES

1997, da “Word Gets Around”

Che meraviglia. Che melodia limpidissima, che brano incalzante.

BONUS TRACK: HAVE A NICE DAY

2001, da “Just Enough Education to Perform”

Solo bonus track? Eh si. Lo ammetto, detesto sto pezzo, ma non posso non inserirlo, visto che tra pubblicità e vari passaggi radiofonici è quello che ha garantito (e garantirà) la pensione felice ai nostri. Banalotta canzone che ha fatto il botto. Tutto qui.

Photo Credit: Alex Const (Foto presa da Wikimedia Commons)

 

Ascolta la versione rimasterizzata ...

Per celebrare il 50 ° anniversario dell’album omonimo dei The Band, è stata pubblicata un nuovo box relativo all’album, ...

Guarda Thom Yorke eseguire ...

Ospite per la seconda volta in questo 2019 del The Late Show With Stephen Colbert Thom Yorke ha eseguito dal vivo “Daily Battles” brano ...

Guarda le Sleater-Kinney nella loro ...

Le Sleater-Kinney sono state ospiti musicali dello show televisivo The Late Late Show with James Corden. La band ha eseguito “Can I Go ...

“The Two Popes”: ...

Bryce Dessner, chitarrista e membro fondatore dei National, ha composto la colonna sonora del nuovo film Netflix di Fernando Meirelles ...

Grimes svela i dettagli del suo ...

Grimes condivide oggi un nuovo brano dal titolo “So Heavy I Fell Through the Earth” svelando i dettagli del prossimo disco, “Miss ...