EZRA FURMAN
Twelve Nudes

[ Bella Union - 2019]
7.5
 
Genere: Punk rock , Garage rock
 
13 Settembre 2019
 

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, scritto quasi di getto che sembra avere un’anima  punk, ma che in fondo è un insieme di brani pop nascosti abilmente da una maschera fatta di distorsione e rumore.

Lo stesso titolo“Twelve Nudes ” sembra fatto apposta per ingannare, i dodici nudi in realtà sono undici e sono tutt’altro che nudi, ma abilmente rinchiusi dentro una corazza, a volte molto resistente a volte invece quasi trasparente, e che spesso fa pensare a come sarebbero i brani una volta spogliati.

Queste considerazioni possono sembrare negative ma in realtà non intendono togliere nulla al valore del disco, che è piacevole ed interessante, anche per i testi e la personalità  di Ezra Furman.

L’album apre con “Calm Down aka I Should Not Be Alone”, potente e diretto con un basso educato che viene violentato da  una chitarra  e una voce sul punto di andare in mille pezzi, seguito da “Evening Prayer aka Justice” dove una linea melodica da ballata rock viene vestita di distorsione e disperazione .

“Transition From Nowhere to Nowhere” è la prima canzone che ci propone Furman in maniera più diretta, spoglio da sovrastrutture con un testo che alimenta pensieri inquietanti tra morte, solitudine, trasformazioni e assenza di difesa cantata con amara dolcezza, mentre il rock riesplode in “Rated R Crusaders” e “Trauma” e la voce torna alterata ruvida e spezzata quando critica le forme di capitalismo esasperato.

“I Wanna Be Your Girlfriend”, uscito come anticipazione, è una brano con un’atmosfera da canzoni anni 50 nel quale la distorsione ne aumenta il fascino, e in cui il testo è un simpatico gioco dei desideri velato da un senso di tristezza, ma nel quale non manca lo slancio ironico “Honey, I know that I don’t have the body you want in a girlfriend.What I am working with is less than ideal” .

Finito di giocare con ” Blown” e “My Teeth Hurt”, dove si parla di mal di denti ma non in senso metaforico come ha spiegato Ezra su twitter “… I miei incisivi inferiori hanno fatto male per un mese, abbastanza che ho scritto e registrato una canzone punk chiamata “My Teeth Hurt. Alla fine sono andato dal dentista che  mi ha fatto pagare $ 1200 (cavità dei denti superiori) e non ho potuto rispondere alla mia domanda sul motivo per cui i miei denti mi facevano male“, tocca a “In America”  una combinazione di  critica e patriottismo, pessimismo e ottimismo ma anche un brano che fa venire in mente come l’influenza di Bruce Springsteen a volte si presenti anche dove meno te lo aspetti.

“Twelve Nudes”  è un album a tratti punk, che a volte si veste di rumore per nascondere la propria fragilità ed avere una via di fuga un po’ come si fa con l’autoironia, ma che è indubbiamente divertente e valido; non ha forse la forza del precedente ma è una interessante esplosione di rabbia e come ogni momento d’ira si esaurisce in un attimo (25 minuti circa), ma lascia il segno.

Credit Foto: Jessica Lehrman

Tracklist
1. Calm Down aka I Should Not Be Alone
2. Evening Prayer aka Justice
3. Transition From Nowhere to Nowhere
4. Rated R Crusaders
5. Trauma
6. Thermometer
7. I Wanna Be Your Girlfriend
8. Blown
9. My Teeth Hurt
10. In America
11. What Can You Do But Rock n Roll
 
 

The Morsellis – The Primavera ...

Un nuovo album di Alberto Morselli rappresenta sempre un piccolo evento, visto quanto è stata centellinata la sua attività discografica ...

The Cavemen – Night After ...

The Cavemen sono inarrestabili: il loro EP, “Lowlife”, era uscito solamente a febbraio, ma ieri è già arrivato un nuovo album, ...

Misery Loves Co. – Zero

Avevamo lasciato gli svedesi Misery Loves Co. fermi al 2000, anno in cui venne pubblicato l’album “Your Vision Was Never Mine To ...

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...