FRANKIE COSMOS
Close It Quietly

[Sub Pop - 2019]
7
 
Genere: indie-pop,lo-fi,indie-rock
 
16 Settembre 2019
 

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, infatti, è arrivato lo scorso weekend anche il suo quarto album, “Close It Quietly”, mentre pochi mesi era uscita la compilation digitale solo voce e piano “Haunted Items”.

Registrato insieme ai suoi compagni di band, Lauren Martin (synth), Luke Pyenson (batteria) e Alex Bailey (basso) ai Figure 8 Studios di Brooklyn, il disco è stato prodotto da Gabe Wax (Soccer Mommy, Palehound).

Ancora una volta Greta ha preferito inserire nel suo nuovo lavoro sulla lunga distanza un numero molto elevato di canzoni, tutte intorno ai due minuti di durata (alcune anche meno), per un totale di appena quaranta minuti: una specie di toccata e fuga, ma questo non deve per forza essere visto come qualcosa di negativo.

A questo giro la Kline si è fatta aiutare maggiormente dai suoi compagni di avventura, dando così più una visione di una band piuttosto che di una singola persona: tutti i componenti del suo gruppo, infatti, hanno partecipato alla fase creativa di “Close It Quietly”, aiutando a creare qualcosa di più completo.

Ogni cosa sembra essere al suo posto in questo nuovo LP, la morbida voce di Greta, la produzione leggera, la strumentazione, la dolcezza e la delicatezza delle canzoni: ogni piccolo capitolo è una graziosa e intima perla poppy con riferimenti che vanno spesso a pescare i propri riferimenti nel mondo indie-rock degli anni ’90, senza dimenticare una preziosa attenzione alle sempre amatissime melodie.

Dalle chitarre alt-rock di “So Blue” a “Even Though I Knew”, che con il suo drumming veloce, stringe l’occhio a un indie-punk dai toni soft, passando per l’acustica, malinconica e folkeggiante “Self-destruct”, non possiamo negare che tutto funzioni bene e ci piaccia.

No, Frankie Cosmos non cambierà le sorti dell’indie-pop con questo suo quarto LP e forse le sue variazioni sono ancora molto impercettibili, ma le sue ventuno canzoni si lasciano ascoltare molto volentieri tanto che se ne vorrebbe di più. Per il momento comunque teniamocela ben stretta e usiamola come soundtrack di questa fine estate.

Photo credit: Jackie Lee Young

Tracklist
1. Moonsea
2. Cosmic Shop
3. 41st
4. So Blue
5. A Joke
6. Rings (On A Tree)
7. Actin’ Weird
8. Windows
9. Never Would
10. Self-destruct
11. Wannago
12. I’m It
13. Trunk Of A Tree
14. Last Season’s Textures
15. Even Though I Knew
16. UFO
17. Marbles
18. Did You Find
19. A Hit
20. With Great Purpose
21. This Swirling
 
 

Stian Westerhus – Redundance

Con la classe e la competenza tipica del vero musicista, Stian Westerhus prosegue il suo particolarissimo percorso di evoluzione artistica ...

Anna Calvi – Hunted

Non sono rari al giorno d’oggi i casi di album che vengono rivisti, rimaneggiati – con chiavi di lettura di volta in volta ...

Birthh – Whoa

E’ italianissima, ma non lo diresti mai, almeno riferendosi alla sua musica e al suo universo di riferimento. Alice Bisi – che a ...

Jet Set Roger – Un rifugio ...

Jet Set Roger (alias Roger Rossini) è un artista a cui non piace certo vincere facile, e lo dimostra una volta di più con il suo nuovo ...

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...