LANA DEL REY
Norman Fucking Rockwell!

[Polydor / Interscope – 2019]
6.5
 
Genere: Pop, sadcore
 
18 Settembre 2019
 

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più caldo. Un feroce confronto a mezzo stampa e social su vizi e virtù di una donna (laureata in filosofia metafisica non dimentichiamolo) diventata massima rappresentante di un certo tipo di sensibilità femminile.

“Norman Fucking Rockwell!” sembra aver messo tutti d’accordo, visti i giudizi positivi ottenuti. Ispirato alle opere del pittore americano Norman Rockwell, creatore del realismo romantico, è stato prodotto da Jack Antonoff con la collaborazione di Andrew Watt e Happy Perez. Già prima dell’uscita ufficiale ogni dettaglio è stato dissezionato con attenzione: i singoli, la copertina in cui compare Duke Nicholson (nipote di Jack).

Lana Del Rey non cambia strada, non rinuncia alle eleganti ballate che l’hanno resa famosa creando un’atmosfera soffusa, come se cantasse sempre a lume di candela. I ritmi lenti, pacati, le si addicono. Lei lo sa perfettamente e li sfrutta al massimo in “Bartender” e “The Next Best American Record” in cui si sente lo zampino del compositore Rick Nowels e in “Fuck It I Love You” scritta insieme a Antonoff e Louis Bell (mago delle classifiche già collaboratore di Taylor Swift, Lorde, Post Malone).

Vocalmente è migliorata aggiungendo sfumature a un timbro languido, carezzevole, ad alto tasso d’intimità adatto al pop più sofisticato (“Love Song” ad esempio) che può anche cullare ma non graffia di certo. Quando i ritmi si alzano leggermente come in “Doin’ Time” (cover dei Sublime) il camaleontico Antonoff le cuce addosso un arrangiamento sbarazzino, divertente e ritmato che poteva essere sfruttato maggiormente nei brani seguenti e non solo nei minuti finali di “Venice Bitch”.

Elizabeth Grant ha ormai capito quali sono i suoi punti forti (le ballate strappacuore) e agisce di conseguenza mettendosi a nudo in “How To Disappear” e “The Greatest”, attimi d’intensità in un album che ha nella ripetitività il suo maggior difetto. Ben arrangiato ma poco spontaneo, formale nei toni, curato nei testi, romantico, decadente con un filo di ottimismo ma non certo un capolavoro e non meritevole dell’hype che lo circonda.

Credit foto: Pamela Cochrane

Tracklist
1. Norman Fucking Rockwell
2. Mariners Apartment Complex
3. Venice Bitch
4. Fuck It I Love You
5. Doin' Time
6. Love Song
7. Cinnamon Girl
8. How To Disappear
9. California
10. The Next Best American Record
11. The Greatest
12. Bartender
13. Happiness Is A Butterfly
14. Hope Is A Dangerous Thing For A Woman Like Me To Have - But I Have It

 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...