IGGY POP – FREE

[ Caroline International - 2019]
6.5
 
Genere: jazz, alternative
 
23 Settembre 2019
 

Personalmente gli album in cui ci fosse una contaminazione di generi mi hanno sempre incuriosito e ho sempre apprezzato, quando artisti pop e rock fondevano la loro arte con artisti diversi da loro o con culture musicali distanti, e direi che nella storia della musica siamo pieni di casi riuscitissimi , album dove la fusione tra generi era in grado di costruire nuovi percorsi e occasionali gemme.

Quando ho cominciato a capire che il nuovo album di Iggy Pop sarebbe stato un album jazz, non nego di essermi meravigliato e stupito, non che Highlander Iggy non mi avesse negli anni già sorpreso, “Avenue B” e “Aprés” per fare degli esempi, ma sono sincero il rocker di ferro, che a oltre settanta anni suonati ancora infuoca palco e spettatori,  non ce lo vedevo proprio in un album ad alto contenuto jazz.

A dirla tutta qui non ci troviamo di fronte a un opera notevole come “Black Star”, dove la contaminazione jazz è elegantemente determinata e diretta da sua maestà David Bowie, in questo caso l’apporto di Iggy Pop si limita all’ interpretazione delle canzoni che contrassegna con la sua voce profonda, mentre tutto il lavoro compositivo viene lasciato al trombettista Leron Thomas e alla chitarrista Sarah Lipstate.

Risultato finale ? Un lavoro decisamente breve che mi risulta difficile considerare come un album di Iggy Pop, un album che, mi dispiace dirlo non mi ha convinto, e che ho apprezzato principalmente per la tromba di Leron Thomas  che ci dà momenti veramente piacevoli.

Finisco per considerarlo un episodio piuttosto che un cambiamento, una mutazione o addirittura il nuovo futuro di un artista, come mi è capitato di leggere in giro, cerco di scrollarmi di dosso la figura mitica dell’iguana e tutta la storia che si porta dietro e giudicarlo per quello che è, un episodio, forse ripetibile, che si esaurisce in pochi brani e che non ha una forza e una sincerità capace di affascinare e intrigare .

Saltata la title track “Free”, abbiamo  “Loves Missing” che  è un brano anomalo rispetto al resto dell’album e che per un secondo ho sperato fosse un vecchio brano dimenticato di Bowie, mentre da “Sonali” in poi è la chiave jazz ad aprire le serrature.

“James Bond” ha un andamento pop abbastanza ripetitivo e quando inizia a subentrare un po’ di noia ci pensa la tromba di Leron Thomas  a ridarci la sveglia e a farci riprendere, mentre “Dirty Sanchez “ risulta più affascinante regalandoci atmosfere da frontiera messicana, mentre per “Glow In The Dark”  e “Page” sono i musicisti a brillare.

La parte finale dell’album è ampiamente recitata e ci accompagna in maniera inoffensiva fino all’ultima traccia dell’album,  merita comunque di essere ricordata almeno “We Are The People “ su un bel testo di Lou Reed , sembra conservato da  Laurie Anderson e donato ad Iggy per l’occasione.

Devo essere onesto, la versione jazz di Iggy Pop non mi ha pienamente convinto, per quanto l’album cerchi di volare alto e avere una sua valenza artistica, e sotto certi punti di vista sia inattaccabile soprattutto grazie a Leron Thomas che è il vero protagonista, è tutto sommato un episodio della sua carriera poco significativo che credo e spero resterà un episodio isolato.

Tracklist
1. Free
2. Loves Missing
3. Sonali
4. James Bond
5. Dirty Sanchez
6. Glow In The Dark
7. Page
8. We Are The People
9. Do Not Go Gentle Into That Good Night
10. The Dawn
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...