OGGI “ANTICS” DEGLI INTERPOL COMPIE 15 ANNI

 
di
27 Settembre 2019
 

La luce rossa su sfondo nero di “Turn On The Bright Lights” di due anni prima aveva fatto innamorare di questi ragazzi di New York, eleggendoli quasi automaticamente a portabandiera del movimento cosiddetto post-punk revival.

Erano attesi alla conferma gli Interpol con il loro secondo album: conferma che arriverà puntuale.

Tutti li aspettavano insieme a quelle atmosfere notturne, profonde, malinconiche che avevano caratterizzato l’esordio, ma è già dall’apertura demandata a “No Exit” che abbiamo le prime avvisaglie: quello che solitamente potrebbe essere un pezzo di chiusura, un solenne commiato, è invece un’apertura. Il buio, almeno quello profondo, sembra alle spalle, si va incontro ad un nuovo inizio: “We ain’t going to the town, we’re going to the city” canta il baby-faced frontman Paul Banks, con quella voce che ha tutti i crismi per riportare alla mente i momenti più memorabili del post-punk anni ’80, ma che ora vira decisa sulla strada che non disdegna affatto la prevalenza della componente melodica.

Si riparte e filtra la luce, il suono si fa, senza snaturarsi, più pieno, affascinante, elegante come i loro interpreti.

Carlos D (la cui successiva dipartita, a detta di molti, segnerà una perdita artistica fondamentale per la band) piazza l’innesco di basso perfetto, semplice quanto baldanzoso ed indimenticabile in “Evil”, ed il canovaccio si fa evidente: la parte strumentale, per quanto ancora minimale al netto di qualche arricchimento dato dalla tastiera, apre il ventaglio e prende spazio ed aria, il lavoro di Fogarino sulle pelli è meticoloso e volutamente ricercato, Kessler tesse le tele di chitarra schematico, tra crescendo fatti di pennate ed arpeggi semplici, ma precisi e pulsanti.

Meno tagliente, meno spigoloso e secco dell’esordio, il suono si fa più magnetico, caldo e coinvolgente, senza però perdere l’animo di tenebrosa e triste desolazione, quell’approccio nervoso e meccanico, che renderà la band newyorkese termine di paragone del settore per gli anni a venire: pezzi come “Slow Hands” e “C’mere” faranno del trasporto il loro tratto distintivo.

La luce è accesa, in tutti i sensi, sugli Interpol, che oltre i fan conquisteranno anche il mercato: l’album raggiungerà la vetta della U.S. Top Independent Albums, toccherà piazzamenti di rispetto in lungo ed in largo per il mondo, e sarà Disco d’Oro, tra gli altri, in U.K. e U.S.A.

 

Interpol – Antics
Data di pubblicazione: 27 Settembre 2004
Tracce: 10
Lunghezza: 41:39
Etichetta:  Matador
Produttori: Interpol, Peter Katis

Tracklist:

1. No Exit
2. Evil
3. Narc
4. Take You On A Cruise
5. Slow Hands
6. Not Even Jail
7. Public Pervert
8. C’mere
9. Length Of Love
10. A Time To Be So Small

 

Oggi “Make It Big” degli Wham! ...

George Michael aveva una voce incredibile, dei capelli straordinari e un sorriso smagliante. Aveva pure un fondoschiena davvero notevole, ...

Oggi “Fleurs” di Franco ...

Mentre ancora siamo coinvolti da quello che è un susseguirsi di voci sulle reali condizioni di salute di Franco Battiato, con nelle ...

Oggi “Led Zeppelin II” dei Led ...

Oggi sarebbe impensabile, nonostante la società moderna crei e sacrifichi in continuazione i suoi dinamici e temporanei miti globali, ...

Oggi “Hotter Than Hell” dei ...

Lungi dal diventare i protagonisti della hottest band in the world, nell’agosto del 1974 i giovani KISS si rintanarono in uno studio di ...

Simple Minds: la TOP 10

di Corrado Cigna Quando mi hanno chiesto di fare una Top 10 dei Simple Minds la mia prima risposta è stata “io te la faccio, ma non ...