BELLE AND SEBASTIAN
Days of the Bagnold Summer OST

[Matador - 2019]
7
 
 
30 Settembre 2019
 

Non è la prima volta che i Belle and Sebastian si cimentano con una colonna sonora: “Storytelling”, quinto album della band nato come colonna sonora dell’omonimo film del controverso regista Todd Solodz (“Happiness” su tutti) fu un’esperienza da dimenticare a causa dei notevoli problemi sorti col regista stesso. Stavolta i presupposti sono stati tutt’altro che diversi: Il regista Simon Bird all’esordio come regista e grandissimo fan della band ha pensato ai B&S per “Days of the Bagnold Summer”, tratto dalla simpaticissima ma sensibile graphic novel di Joff Winterhart del 2012. Sei settimane nell’estate di Sue Bagnold  e suo figlio Daniel, giovanissimo e appassionato di heavy metal, interpretato da un bravissimo Earl Cave, figlio di Nick Cave, che si era fatto notare col bizzarro personaggio di nome Frodo in un paio di puntate della serie ben riuscita e coinvolgente “The End of F##ing World “uscita per Netflix con bellissima colonna sonora di Graham Coxon.

Bird ha presentato ancor prima di metter su il film il fumetto a Murdoch che nel giro di pochi giorni ha messo su le idee per le canzoni. Il risultato è stato magnifico, la storia sembra essere un vestito su misura per Murdoch e soci e la band sembra aver ripreso il passo giusto dopo qualche disco un pò così. La sensibilità artistica dei B&S, la loro auto ironica introspezione, il modo in cui rendono protagonisti personaggi solitari ma mai perdenti, sono alcuni dei tratti dei personaggi del film, irriverenti ma intelligenti, arrabbiati e strambi ma gentili e premurosi.

13 tracce di pop soave, con lo stile che ben li contraddistingue, una vena artistica lucida e ancora florida, due tra le più famose tracce riprese su richiesta di Bird stesso (“Get me away from here I’m dying” e “I Know where the summer goes”) e tante altre belle intuizioni come “This Letter”, “Sister Buddha”, bellissimo anche l’intro strumentale. Un disco che ti mette in pace con la malinconia che con autentica personalità gli scozzesi sanno raccontare con il loro stile e il loro raffinatissimo sound.

“Days of the Bagnold summer” è una soundtrack ma anche un disco che funziona anche separato dalle immagini, che naturalmente non vediamo assolutamente l’ora di vedere. Un disco evocativo scritto con classe e grazia che ben racconta una storia tenera e trista, scritta con onestà e assoluta sensibilità

Tracklist
1. Sister Buddha (intro)
2. I Know Where The Summer Goes
3. Did The Day Go Just Like You Wanted?
4. Jill Pole
5. I'll Keep It Inside
6. Safety Valve
7. The Colour's Gonna Run
8. Another Day, Another Night
9. Get Me Away From Here, I'm Dying
10. Wait And See What The Future Holds
11. Sister Buddha
12. This Letter
13. We Were Never Glorious
 
 

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...

Nic Cester – Live Across ...

Nic Cester, australiano di nascita e milanese d’adozione, ama molto l’Italia. Un affetto sincero e non di circostanza che traspare ...