BRITTANY HOWARD
Jaime

[ATO – 2019]
7
 
Genere: Soul, funk
 
30 Settembre 2019
 

Primo disco solista per Brittany Howard, chitarra e potente voce degli Alabama Shakes che negli ultimi anni si è dedicata a vari progetti paralleli (Thunderbitch, Bermuda Triangle) sperimentando stili musicali diversi e altrettanti modi di essere frontwoman. “Jaime” è l’album che aspettava di fare da quando aveva undici anni. Fortemente autobiografico è dedicato alla sorella maggiore morta quando erano entrambe molto giovani dopo aver insegnato a Brittany a disegnare e suonare il piano.

Un album in solitaria in cui non resta prigioniera della voce calda e sinuosa che possiede. Non voleva ripetersi con un lavoro simile a quelli fatti in passato con gli Alabama Shakes e ci è riuscita. Brucia lento il funk di “History Repeats” e “He Loves Me” in cui il feeling con il bassista Zac Cockrell (anche lui negli Alabama Shakes) e il batterista Nate Smith è evidente. Una sezione ritmica arricchita dal piano di Robert Glasper in “13th Century Metal” e dalle tastiere di Dan Horton che guidano brani come “Georgia”o “Tomorrow”.

Ha anche una parte più radiofonica “Jaime”: “Stay High”, “Short And Sweet”, “Baby”, “Presence” brillano per sincerità, arrangiamenti molto diversi rispetto a “Goat Head” che affronta il tema del razzismo affidandosi a ricordi difficili da dimenticare. Tiene a freno la voce Brittany Howard, forse consapevole che se la lasciasse troppo libera (come fa nella trascinante ballata finale “Run To Me”) non ci sarebbe spazio per altro. Un buon esordio solista a conti fatti: più strutturato, sperimentale, un filo meno accessibile di quanto era logico aspettarsi ma interessante da ascoltare.

Credit foto: Brantley Guttierez

Tracklist
1. History Repeats
2. He Loves Me
3. Georgia
4. Stay High
5. Tomorrow
6. Short and Sweet
7. 13th Century Metal
8. Baby
9. Goat Head
10. Presence
11. Run To Me
 
 

Wild Nothing – Laughing Gas ...

di And Back Crash Prosegue la mutazione del progetto di Jack Tatum, che con questo grazioso EP si concede un’ulteriore digressione nel ...

Lilac Will – Tales From The ...

di Beatrice Bianchi Se Shakespeare avesse potuto scegliere una colonna sonora per una rivisitazione a Broadway di ‘Sogno di una notte ...

Dan Deacon – Mystic Familiar

di And Back Crash Dan Deacon è un barbuto nerd con base a Baltimora che nel giro di qualche album si è imposto come eccezione nel panorama ...

Mura Masa – R.Y.C.

Non ci ha messo poi tanto Mura Masa, all’anagrafe Alexander Crossan, a calpestare territori mainstream, soprattutto dopo i due Grammy ...

Tennis – Swimmer

Molti esseri umani vorrebbero fare la vita di Patrick Riley e Alaina Moore, coppia sul palco e fuori che si concede lunghi viaggi in barca a ...