KEANE
Cause and Effect

[ Island - 2019 ]
6
 
Genere: Pop
Tags: ,
 
di
2 Ottobre 2019
 

Rieccoli i Keane, dopo il certo non eccezionale “Strangeland” del 2012, ma soprattutto dopo un lungo periodo di silenzio (e di cose soliste) rotto soltanto recentemente con l’annuncio di questo nuovo album e di un imminente tour.

Sentivate la mancanza della band without guitar? Personalmente, non troppo. Finito il britpop ormai vent’anni orsono, di certo non siamo qui a strapparci i capelli per il tramonto di quello che venne ribattezzato post-britpop. Specie con la fine che hanno fatto alcuni gruppi (o si sono eclissati, o sono diventati gli attuali The Killers o, peggio, i Coldplay) che ne costituivano lo zoccolo duro.

Ci provano Tom Chaplin e soci, niente da dire: e gli agganci melodici e la scrittura (che vede ancora Tim Rice-Oxley come prima firma) non sono assolutamente da buttare via. E hanno anche una bella pettinatura moderna, sia in termine squisitamente letterario che più simbolicamente sonoro, con una trazione di synth, che oggi va per la maggiore, a tirare spesso il passo. Ed è tutto meravigliosamente hi-fi.

L’approccio è energetico quanto equilibrato, c’è delicatezza e si cerca arioso trasporto, non si strafà anche se traspare la volontà di incastrare inneschi con trame debitamente magnetiche. Ci riescono a volte (“Love Too Much”, “The Way I Feel”, metti pure “Strange Rooms” col suo docile piano e gli archi), a volte davvero meno, lasciando all’album tutto (specie per “colpa” della sua seconda metà) un senso di superfluo, come fosse ad essere dimenticato alla prima occasione utile. O nemmeno ascoltato ed approfondito (come ho fatto io, ça va sans dire) quanto forse si potrebbe e dovrebbe, per il buono che comunque hanno messo sul piatto (ormai tanto) tempo addietro.

Come già a più riprese detto, però, noi siamo degli inguaribili romantici, e dei nostalgici di professione: e allora prendiamo il piacere di ritrovarli in buono stato di salute e con ancora qualcosa da dire. Per lo spessore e la qualità, ci diamo appuntamento alla prossima volta.

Tracklist
1. You're Not Home
2. Love Too Much
3. The Way I Feel
4. Put the Radio On
5. Strange Room
6. Stupid Things
7. Phases
8. I'm Not Leaving
9. Thread
10. Chase the Night Away
11. I Need Your Love
12. New Golden Age (Bonus Track)
13. Difficult Year (Bonus Track)
14. The Way I Feel (Sea Fog Acoustic Session)
15. Stupid Things (Sea Fog Acoustic Session)
16. I'm Not Leaving (Sea Fog Acoustic Session)
 
 

Vanarin – EP 2

di Beatrice Bianchi All’ascolto, un brano dei Vanarin si pone come un viaggio tra l’Italia e l’Oltremanica, spaziando tra sonorità ...

Black Lips – Sing In A World ...

I Black Lips giungono con il nuovo “Sing In A World That’s Falling Apart” a una forma – non dico definitiva – ...

Demitasse – Perfect Life

Per la serie coppie musicali che funzionano: i Demitasse di Joe Reyes e Erik Sanden, attivi anche in chiave più rock con i Buttercup. Tre ...

Julielle – (A)Cross

Dalla fucina musicale del tacco italiano (mainstream e non) emerge la voce della giovanissima Julielle, figlia dello stile delle nostrane ...

Khruangbin & Leon Bridges – ...

Leggo Khruangbin e mi vengono gli occhi a forma di cuore: personalmente, una delle cose più fighe degli ultimi (poveri) anni, altro non ...